Vomero

Caro Babbo Natale: il gruppo che sta spopolando su Facebook

Molte le letterine già scritte ma altre ne stanno arrivando https://www.facebook.com/group.php?gid=50431284103

 

Oltre settecento gli iscritti e diverse le letterine inviate a Babbo Natale al gruppo su Facebook dal titolo Caro Babbo Natale, ti scrivo…. ( https://www.facebook.com/group.php?gid=50431284103 ) -.  Ma sono certo che nei prossimi giorni questi numeri sono destinati a crescere notevolmente.

 

Il Natale si avvicina ed un altro anno, difficile, sta per lasciarci. E' consuetudine di questi tempi che tutti i bambini del mondo scrivano a Babbo Natale, esprimendo i loro desideri e chiedendo un dono. Ma se è vero, come è vero, che ciascuno di noi rimane, dentro di sé, fanciullo per tutta la vita, perchè non possiamo esprimere un desiderio, chiedere un regalo anche noi al caro Babbo Natale, pur essendo un po' cresciutelli? Questo gruppo nasce perchè ciascuno di noi possa scrivere la propria letterina a Babbo Natale che,  secondo una notizia giuntami all’orecchio, starebbe navigando su Facebook proprio per leggere i nostri desideri! Affrettatevi dunque che dal polo Nord Santa Claus partirà a momenti con la slitta e le sue renne per esaudire i desideri di tutti i richiedenti.

 

E’ la risposta da parte degli iscritti si sta facendo sentire. Molte le lettere che chiedono pace, serenità e salute. Alcuni, specialmente giovani, un lavoro stabile e sicuro. Particolarmente commoventi le testimonianze di altruismo di chi, ritenendo di avere tutto, chiede di portare il proprio regalo agli altri: a chi soffre, a chi non ha un lavoro, a chi è ammalato.

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento