rotate-mobile
Storie&Controstorie

Storie&Controstorie

A cura di Mario Amitrano

Vomero

Quel silenzio che stordisce

In giro per le strade principali del Vomero, dove il coprifuoco comincia già prima delle 22

Un silenzio assordante. È quello che si sente in giro per le strade principali del Vomero, dove il coprifuoco comincia già prima dell'orario ufficiale, quello delle 22.

Dopo le 20, quando anche i pochissimi negozi aperti in zona rossa chiudono, comincia il deserto. Poche persone in giro, e per lo più si tratta di giovani fattorini che sfrecciano da tutte le parti per fare quante più consegne a domicilio possibile per conto di qualche pizzeria o pub.

Via Luca Giordano, via Scarlatti, Piazza Vanvitelli sono irriconoscibili. Tristi. Vuote. Silenziose. 

Qualche cane accompagna i padroni a passeggio.

Le pattuglie della Polizia Municipale e le camionette dell'Esercito passano e controllano che c'è poco o nulla da controllare. 

La gente sta a casa già prima del coprifuoco. 

Un sacrificio, certo. Un sacrificio che presto prima o poi sarà ricompensato.

Finirà il coprifuoco. Finirà il silenzio assordante. E tutto, anche queste brutte immagini di vuoto e desolazione, resterà un ricordo. Brutto, certo, ma resterà solo un ricordo.

Quel silenzio che stordisce

NapoliToday è in caricamento