NapoliTalk

NapoliTalk

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gragnaniello: "La bellezza di Napoli ci salverà"

 

"Napoli io non la so spiegare. Chiudo gli occhi e la sento". Da disoccupato dei Banchi nuovi a icona della musica napoletana in Italia e all'estero Enzo Gragnaniello di strada ne ha fatta tanta. Il 26 aprile è uscito il suo nuovo album 'Lo chiamavano viento e terra', un lavoro alla ricerca dell'essenziale perché "...non mi piacciono gli arrangiamenti con tutti quegli orpelli, è come quando metti troppi vestiti su una bella donna, coprendone la sensualità". 

Ospite della rubrica Napolitalk, Gragnaniello si racconta a tutto tondo. Dagli inizi con il gruppo dei Banchi nuovi "...quando suonavano per dare forza a tutti quelli che lottavano per qualcosa, dai cassaintegrati ai terremotati", all'incontro con Roberto Murolo e Mia Martini che portarono al successo internazionale il capolavoro 'Ccu mme': "Nella musica ci sono i cantanti e poi ci sono gli artisti: Mimì era un'artista vera". 

Tutta la strada Gragnaniello l'ha percorsa alla ricerca del bello: "Noi siamo nati belli, poi le paure ci hanno incattiviti e inbruttiti. Se perseguiamo la strada della bellezza riusciremo a risollevare anche il nostro animo perché invece dell'odio utilizzeremo altri strumenti, come il sorriso". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento