NapoliTalk

NapoliTalk

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Amalia De Simone: "La camorra ha conquistato l'Europa"

La giornalista ha pubblicato il libro "MafiEuropa" che raccoglie le sue inchieste realizzate nel vecchio continente: "I soldi delle organizzazioni criminali girano all'estero"

 

Gran Bretagna, Olanda, Spagna, Paesi dell'Est. Amalia De Simone, negli ultimi, anni, ha girato l'Europa seguendo i capitali delle organizzazioni mafiose. Da ogni viaggio, è nata un'inchiesta che oggi la giornalista napoletana raccoglie in un libro: MafiEuropa (Ed. Rogiosi). 

"Ormai in Italia resta la bassa manovalanza delle mafie - racconta - i soldi veri girano all'estero, dove non c'è un impianto legislativo adeguato ad arginare la criminalità organizzata. In questo modo, in alcuni Paesi i nostri mafiosi diventano potenti uomini di affari".

Il vecchio continente viene spartito come i quartieri di una grande città. Ecco, allora, la camorra pompeiana nel mercato dei fiori olandese, gli scissionisti alla conquista della Spagna, i casalesi a fare affari nell'Est Europa: "Ma ci sono casi in cui si creano anche dei cartelli tra clan. In Spagna non hanno la percezione che la camorra ia arrivata anche a influenzare le elezioni. Ci sono indagini che hanno dimostrato come si sia sfiorata la tragedia quando fu orchiestrato un attentato a un Gran Premio di Formula 1, sempre in Spagna, fortunatamente fallito". 

Il fatto che l'opionione pubblica continui a considerare le mafie come un fenomeno folkloristico italiano fa il gioco della criminalità organizzata: "Fino a quando gli altri Stati non ammetteranno le inflitrazioni nella loro economia e nelle loro istituzioni i nostri mafiosi potranno continuare a fare affari indisturbati". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento