Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lingua napoletana, perché si dice "A' fune 'e notte"?

Amedeo Colella, scrittore e napoletanista, spiega l'etimologia della nota espressione indirizzata ad attività losche

 

Amedeo Colella, scrittore e napoletanista, spiega l'etimologia dell'espressione napoletana "vai mettenne a' fune 'e notte". La storia inizia nel 500, quando i ladri usavano il metodo della fune per far inciampare i viandanti nelle ore serali, per poi derubarli. A trovare una soluzione a quel problema fu padre Gregorio Rocco, confessore di re Carlo di Borbone. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento