Domenica, 24 Ottobre 2021
L'Oro di Napoli

Opinioni

L'Oro di Napoli

A cura di Redazione NapoliToday

L'isolotto di Vivara: l'oasi verde nel cuore del golfo di Napoli

La riserva riaprirà ogni venerdì, sabato e domenica (per le scolaresche anche gli altri giorni della settimana) con due visite giornaliere: alle 10 e alle 15, da prenotare sul sito del Comune 24 ore prima

Vivara è una splendida oasi situata nel Golfo di Napoli, appartenente al gruppo delle isole flegree, tra Procida ed Ischia.

L'isola è una porzione occidentale di uno degli antichi crateri vulcanici di Procida, e risulta essere una delle classiche rappresentazioni dell'ambiente mediterraneo per le sue caratteristiche geomorfologiche, vulcanologiche, botaniche e faunistiche. Notevoli sono anche gli insediamenti umani, di epoca preistorica. Delimitato sul lato orientale dal promontorio di ''Santa Margherita'', lo specchio d'acqua circolare corrispondente al cratere dell'isola è denominato ''Golfo di Gènito''.

I punti più estremi dell'isola sono la ''Punta di Mezzogiorno'' a sud e la ''Punta Capitiello'' a nord, rivolte verso l'isola di Procida; la ''Punta Alaca'' ad ovest, invece, definisce il punto più stretto del canale di Ischia, mentre tutta la costa orientale, ripida e scoscesa, viene chiamata ''La Carcara''.

L'origine del nome ''Vivara'' è stato a lungo oggetto di discussione: l'ipotesi più accredita vuole che il termine derivi dal lativo ''Vivarium'' cioè ''luogo in cui vivono gli animali''; sicuramente, ancora in epoca romana, Vivara era collegata all'isola di Procida da una stretta falesia, oggi scomparsa, sul lato settentrionale dell'isola.

Vivara è collegata a Procida da un ponte pedonale (''Ponte dell'Acquedotto'') di poco più di 100 metri. Sull'isola non esistono arenili, a causa delle coste troppo ripide e risulta, quindi, difficilmente accessibile dal mare, eccezion fatta per il lato sud, dove in zona ''La Carcara'' è possibile un approdo più agevole.

Il sentiero principale attraverso l'isola in senso longitudinale, da nord-est a sud-est; dal centro dell'isola si trovano un gruppo di case rurali, e due edifici di diversa epoca storica: una casa padronale del seicento e una casa dallo stile tipicamente coloniale. A sud dell'isola, verso ''Punta Mezzogiorno'' si trova l'edificio ''La Tavola del Re'', da cui è possibile godere di una vista mozzafiato dello splendido Golfo di Napoli, dal Vesuvio all'isola di Capri, compresa la penisola sorrentina.

vivara-2

L'isola di Vivara, e le coste di Procida che la precedono, costituiscono la ''Riserva Naturale Isola Vivara''; la riserva, da quanto si apprende proprio in questi giorni dopo anni di silenzio, riaprirà ogni venerdì, sabato e domenica (per le scolaresche anche gli altri giorni della settimana) con due visite giornaliere: alle 10 e alle 15, da prenotare sul sito del Comune 24 ore prima. Il prezzo del tour sarà di 10 euro, 7 per i residenti (gratis fino a 6 anni e 5 euro fino ai 18). Ogni gruppo, di un massimo di 30 persone, avrà uno speciale accompagnatore autorizzato, appartenente all'associazione ''Vivara''o alla Lipu.

Si parla di
Sullo stesso argomento

L'isolotto di Vivara: l'oasi verde nel cuore del golfo di Napoli

NapoliToday è in caricamento