L'Oro di Napoli

L'Oro di Napoli

Tac con radiazioni dimezzate: l'invenzione di due scienziate napoletane

Michela D'Antò e Federica Caracò hanno inventato un algoritmo che le riduce tra il 40 e il 60%

Foto Ansa

Hanno presentato un'invenzione straordinaria capace di ridurre tra il 40 e il 60% le radiazioni durante la Tac. Si tratta di due ingegneri napoletane, Michela D'Anto, della Fondazione Pascale e Federica Caracò, della Federico II, vincitrici del primo premio assoluto dell'Health technology challenge. Le due scienziate partenopee sono state premiate nel corso del XIX Congresso dell'Associazione nazionale degli ingegneri clinici che si è tenuto a Catanzaro.

L'algoritmo inventato

Grazie a un algoritmo, i macchinari che applicheranno questo protocollo potranno ridurre sensibilmente la quantità di radiazioni. Un passo avanti fondamentali per i malati oncologici, soggetti particolarmente esposti per via della loro patologia a continui controlli. Il loro algoritmo potrà essere applicato su diversi tipi di apparecchiature aprendo una nuova strada nel campo della Tac garantendo comunque un'ottima qualità dell'immagine.

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

  • Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

  • Scuse di D'Alessio e D'Angelo: la parodia di Palma e Cicchella è virale

Torna su
NapoliToday è in caricamento