rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
L'Oro di Napoli

Opinioni

L'Oro di Napoli

A cura di Redazione NapoliToday

Classifiche e curiosità sulla Napoli da vivere. Food, eventi, arte, cultura e tradizione: una guida sui tesori cittadini

L'Oro di Napoli

Cosa vedere nel Rione Sanità: 7 luoghi imperdibili

Dalle Catacombe di San Gennaro al Cimitero delle Fontanelle, NapoliToday vi accompagna in un tour alla scoperta dei siti archeologici più suggestivi del quartiere

Cimitero delle Fontanelle

Il Cimitero delle Fontanelle è uno dei più suggestivi della città. E', allo stesso tempo, un luogo di culto e di macabro fascino, in cui si concentrano molte leggende e racconti di miracoli. Il sito archeologico è un antico ossario, risalente al XVI secolo, che conserva, da almeno quattro secoli, i resti di chi non poteva permettersi una degna sepoltura e, soprattutto, delle vittime delle grandi epidemie che hanno più volte colpito la città. Accoglie circa 40.000 resti di persone, vittime della grande peste del 1656 e del colera del 1836. A questo luogo è legato il famoso "culto delle anime pezzentelle": secondo la credenza popolare partenopea, le ossa dei poveri, anonime e abbandonate qui, sono "anime pezzentelle", ritenute un ponte tra l'aldilà e la terra, un mezzo di comunicazione tra i mondi dei morti e i mondi dei vivi. Rappresentano la speranza nella possibilità di un aiuto reciproco tra poveri che scavalca la soglia della morte. Tra le "capuzzelle" (così sono chiamati i teschi) più famose ci sono quella del Capitano e quella di Donna Concetta (nota anche come 'a capa che suda). Secondo la tradizione, anche queste teste sono in grado di esaudire delle grazie. Il sito archeologico è stato messo in sicurezza e riordinato nel 2002, e riaperto al pubblico nel 2010.

Cimitero Fontanelle-2-4

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cosa vedere nel Rione Sanità: 7 luoghi imperdibili

NapoliToday è in caricamento