L'Oro di Napoli

L'Oro di Napoli

Nasce MoVeng, la prima app napoletana per far spostare le auto in doppia fila

L'idea è di alcuni giovani imprenditori napoletani. L'applicazione è già disponibile su App Store e Google Play

Si chiama MoVeng ed è la prima app napoletana gratuita che consente di rintracciare il proprietario dell’auto in doppia fila e farla spostare.

Questa la geniale idea venuta ad alcuni giovani imprenditori partenopei. L'applicazione, disponibile su Ios e Android, è già scaricabile su App Store e Google Play.

COME FUNZIONA - Dopo aver scaricato l'app, basta inserire la targa della propria auto e un indirizzo di posta elettronica, dove arriverà l'eventuale notifica di un altro utente registrato che si è ritrovato bloccato da un'auto in doppia fila.

Ecco il video di presentazione di MoVeng tratto dalla pagina Facebook ufficiale "MoVeng":

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Temporali d'agosto in arrivo a Napoli: temperature giù di 10 gradi

  • Ritrovata dopo 24 ore di ricerche, Claudia è in coma farmacologico

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento