rotate-mobile
L'Oro di Napoli

L'Oro di Napoli

A cura di Redazione NapoliToday

Classifiche e curiosità sulla Napoli da vivere. Food, eventi, arte, cultura e tradizione: una guida sui tesori cittadini

L'Oro di Napoli

Le 5 cose da vedere a Piazza Bovio e dintorni

E' conosciuta anche come “Piazza Borsa”, perché alla fine del 1800, contemporaneamente al rifacimento della piazza, fu eretto l’edificio che avrebbe ospitato gli uffici della Borsa e della Camera di commercio. Scopriamo cosa visitare nella piazza e dintorni

Piazza Giovanni Bovio è una delle piazze più importanti di Napoli situata all’inizio del Corso Umberto I, nel centro storico della città. Prima del progetto di Risanamento avviato alla fine dell’Ottocento per diversi quartieri della città in seguito alla devastante epidemia di colera del 1884, si chiamava Piazza di Porto (o Piazza del mercato di Porto). L’attuale Piazza Bovio prende il nome da Giovanni Bovio, filosofo e politico del Regno d'Italia nonché padre del poeta e scrittore Libero Bovio (a lui è dedicata una targa sul palazzo dove visse, all'angolo con il corso Umberto I).

Tutti, però, oggi la conoscono come “Piazza Borsa”, perché alla fine dell’Ottocento, contemporaneamente al rifacimento della piazza, fu eretto anche l’edificio che avrebbe ospitato gli uffici della Borsa e della Camera di commercio. Scopriamo le 5 cose da vedere in Piazza Bovio e dintorni.

Palazzo della Borsa 

Il Palazzo che per tanti anni ha dato il nome alla piazza, fu eretto nel 1895 e inaugurato nel 1899 su progetto di Alfonso Guerra, all'epoca luogotenente di Vittorio Emanuele II nella Napoli appena annessa, per ospitare gli uffici della Borsa e della Camera di commercio. All'epoca l’edificio si trovava di fronte alla Fontana del Nettuno, ora allocata in Piazza Municipio, mentre durante il Fascismo furono aggiunti i due obelischi ai lati dell’edificio. Il Palazzo della Borsa, tipico esempio di architettura neorinascimentale, ingloba anche la Chiesa di Sant'Aspreno - in prossimità dell’ingresso laterale - piccolo tempio paleocristiano che porta il nome del primo vescovo di Napoli, Aspreno. Secondo la leggenda, egli sarebbe stato consacrato da San Pietro quando questi, sostando a Napoli, aveva guarito una donna inferma che gli avrebbe presentato il futuro vescovo, che Pietro volle come pastore per la comunità di cristiani che stava prendendo forma a Napoli. L'edificio oggi ospita la sede centrale della Camera di commercio, ma al suo interno vi sono anche le sedi di due note banche.

Palazzo della Borsa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 5 cose da vedere a Piazza Bovio e dintorni

NapoliToday è in caricamento