rotate-mobile
In giro con Antonia

In giro con Antonia

A cura di Antonia Fiorenzano

Andare in giro alla scoperta di ciò che accade incontrando personaggi e persone per raccontare storie, fatti e notizie dove non manca quel pizzico di curiosità. A cura di Antonia Fiorenzano

Gli obiettivi di NapoliCittàLibro 2023, de Giovanni: "Deve essere una chiamata alle armi per i giovani" | VIDEO

Presentata la fiera dedicata ai libri che si svolgerà alla Stazione Marittima nel prossimo mese di aprile

La primavera napoletana sarà segnata da una tempesta di libri e cultura con NapoliCittàLibro – Salone del libro e dell’editoria, manifestazione letteraria che si svolgerà negli spazi del centro congressi della Stazione Marittima di Napoli dal 13 al 16 aprile 2023.

Gli editori Alessandro Polidoro e Rosario Bianco, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’associazione Liber@Arte, hanno scelto di dare una veste agli obiettivi programmatici di questa fiera del libro che tra sette mesi vedrà la sua IV edizione, una rassegna che parte dal basso su spinta di privati e di addetti ai lavori che hanno come scopo mettere Napoli al centro dell’editoria nazionale cercando di coinvolgere i player letterari più importanti. Si parte in anticipo per non essere da meno a fiere come il Salone del Libro di Torino, con il patrocinio del Comune di Napoli e della Camera di Commercio di Napoli, il contributo del Centro per il libro e la lettura - Ministero della Cultura, e la stima e l'appoggio dello scrittore Maurizio de Giovanni.

Andrea Mazzucchi, delegato dal sindaco di Napoli Gaetano Manfredi per le biblioteche, il patto per la lettura e programmazione culturale integrata, e de Giovanni non esitano a partecipare a Gallerie d’Italia per sostenere Polidoro, Bianco e tutta Liber@Arte nell’annunciare che la IV edizione sarà caratterizzata da una particolare attenzione ai temi e ai lessici della contemporaneità e dal più ampio coinvolgimento di un pubblico giovane. 

“Deve essere una chiamata alle armi della cultura, invitando, soprattutto, i più giovani a leggere. NapoliCittàLibro una sola parola connessa  indirizzata proprio a loro”. Maurizio de Giovanni non ha dubbi che questo sia il motto necessario per Napoli e l’intera Campania: “Napoli deve investire su rassegne come queste che in città come Mantova e Torino è lo zoccolo duro radunando i migliori sponsor”.

Le tempeste e il Piero Angela Day 

Nel corso dei quattro giorni gli editori, in cui non si esclude la presenza dei grandi nomi, presenteranno le novità delle scrittrici e degli scrittori più rappresentativi dell’attuale panorama nazionale e internazionale. Incontri, eventi e dibattiti si alterneranno nel segno di un vivido confronto e dialogo.

Il tema di NapoliCittàLibro sono le tempeste che indicano quelle dei tempi che viviamo in cui la lettura e l'immaginazione che essa scatena possono essere ancore di salvezza. Ma anche tempeste che evocativamente mettono in moto e in  circolazione le idee. Le tempeste sono declinate in quattro i punti cardinali che faranno da guida per muoversi all’interno del multiforme programma.

Comunità - Le tempeste sociali

La sezione ospiterà approfondimenti (sotto forma di incontri, presentazioni, eventi) dedicati alle comunità quali leve di sviluppo e riscatto; incubatrici di buone pratiche e innovazione; incentivi di coesione, cura e visione. Sia nelle periferie del centro città sia al centro delle periferie dell’estesa area metropolitana.

Luoghi - Le tempeste climatiche

La sezione ospiterà approfondimenti in chiave territoriale/trasversale e in termini di identità/contaminazione. Ma sarà anche il contesto per dialogare di ambiente, sostenibilità, clima, scienza con finalità divulgative.

Linguaggi - Le tempeste in rete

La sezione ospiterà approfondimenti per conoscere e indagare le potenzialità del linguaggio verbale, visivo, sonoro (con particolare attenzione alla sua accezione social), e il suo impatto sui singoli, la collettività e le reciproche relazioni.

Pensieri - Le tempeste della mente, una nuova mappa cognitiva

La sezione ospiterà approfondimenti in chiave umanistica, filosofica, antropologica, storica.

NapoliCittàLibro dedicherà un giorno alla memoria di Piero Angela, con il racconto e l’esplorazione dei suoi tanti ruoli che ha ricoperto con estrema competenza, passione e impegno, un momento in cui si  mira a coinvolgere proprio i ragazzi.

Interviste video di Antonia Fiorenzano a:

Maurizio de Giovanni

Alessandro Polidoro, presidente ASS. Liber@Arte

Andrea Mazzucchi, delegato dal sindaco di Napoli Gaetano Manfredi per le biblioteche. 

Video popolari

Gli obiettivi di NapoliCittàLibro 2023, de Giovanni: "Deve essere una chiamata alle armi per i giovani" | VIDEO

NapoliToday è in caricamento