Il caffè sospetto

Il caffè sospetto

Inchiesta Tony Colombo al Plebiscito: comunque vada un insuccesso

Flash mob o concerto, Comune consapevole o no di quanto sarebbe accaduto, ci sono aspetti davvero poco confortanti riguardo ciò che è emerso su quella serata dello scorso 26 marzo

Il concerto di Tony Colombo (foto De Cristofaro-NT)

Momento singolare quello in cui l'opinione pubblica cittadina si polarizza. Improvvisati sceriffi del senso civico da un lato, difensori della napoletanità tout court (errori e peculiarità comprese) dall'altro. Tutto diventa ancora più confuso nel caso di cortocircuiti generati da vicende come quella dell'inchiesta sul concerto (flash mob?) di Tony Colombo al Plebiscito: gli stessi neomelodici sui quali c'è ben poco da scherzare se sei un produttore di merendine, sono onta se fanno un corteo su corso Secondigliano o un concerto non proprio autorizzato nella piazza simbolo della città.

Ma colpisce più la realtà che i post social che la riguardano. Ci sono aspetti davvero poco confortanti in quanto è emerso su quella serata al Plebiscito. La magistratura farà le sue indagini, e al momento abbiamo una ricostruzione – ipotizzata dagli inquirenti – tutta da verificare. Eppure delle due l'una: o l'amministrazione cittadina ha autorizzato con coscienza una manifestazione inautorizzabile, oppure è stata assolutamente incapace di monitorare un luogo simbolo (a pochi metri dalla Prefettura) per un'intera giornata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Treccani definisce così il flash mob, cioè la manifestazione che il Comune di Napoli aveva concesso a Tony Colombo: "Riunione di gruppo improvvisata, che si organizza mediante una convocazione a catena inoltrata su siti Internet o tramite messaggi di posta elettronica, durante la quale i partecipanti compiono un’azione collettiva". Dubbi a non finire: come può essere necessario autorizzare qualcosa di simile? Come si sarebbe mai potuto trattare di qualcosa di simile, se addirittura era stato allestito un palco? Possibile la polizia municipale non abbia notato nulla, oppure che abbia notato tutto e si sia fatta bastare l'autorizzazione per un flash mob?

Comunque finisca questa vicenda, è davvero difficile – da cittadini – sentirsi tranquilli e in buone mani.

Il caffè sospetto

Un caffè sospeso, ma da prendere con circospezione: potrebbe non piacere a tutti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • ma state ancora perdendo tempo e notizie vere per queste pagliacciata ma stiamo scherzando veramente offendete l'intelligenza dei lettori

Torna su
NapoliToday è in caricamento