I media e Napoli

I media e Napoli

Selvaggia Lucarelli contro la cittadinanza a Maradona: "Che mestizia"

La blogger attacca il Pibe ma soprattutto il sindaco di Napoli, che da ex magistrato non avrebbe dovuto far passare questo "equivoco messaggio sul concetto di legalità"

Selvaggia Lucarelli

Mancava (o forse no?) la voce contraria alla cittadinanza onoraria conferita a Maradona che facesse appello alla sua presunta mancanza di rispetto verso la legge. Nessun problema: è arrivato un post sul tema a firma Selvaggia Lucarelli. Il cui finale va anticipato subito, una sentenza: "che mestizia".

La blogger non discute bontà sua "sul fatto che Napoli possa idolatrare il Maradona calciatore. Ci mancherebbe", ma "la cittadinanza onoraria è un'altra faccenda. Non è un riconoscimento del popolo, ma delle istituzioni".

E le istituzioni non dovrebbero tollerare che "Maradona è non solo uno che ha problemi col fisco da anni, ma uno che fece il gesto dell'ombrello alla finanza in diretta da Fazio. Uno che si è beccato condanne per droga, uno risultato positivo all'antidoping, uno che fu condannato per aver sparato con un fucile ad aria compressa ai giornalisti, uno che menava la compagna, uno amico/frequentatore di boss come i fratelli Giuliano e di Lo Russo e tante altre cose che non sto a dire (per esempio la questione figli non riconosciuti) perché fanno parte della sfera morale e vabbè, lasciamo stare".

L'attacco però più che a Maradona è all'ex magistrato Luigi de Magistris, che da sindaco di Napoli avrebbe dovuto evitare questo "equivoco messaggio sul concetto di legalità". Ma non dite a Selvaggia Lucarelli che la cittadinanza a Maradona è stata conferita per meriti sportivi, quindi per quell'idolatrare il Maradona calciatore che proprio lei "non discute".

I media e Napoli

Il complesso discorso sulla città attraverso le sue più controverse rappresentazioni, sia interne che esterne

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Nell'articolo della Lucarelli ci vedo solo astio, acredine nei confronti del Sindaco De Magitris, della città di Napoli, dei napoletani e di uno dei più grandi calciatori dell'epoca. unico ed ineguagliabile (nel bene e nel male).E poi, a Napoli tutto è fascinoso, folcloristico. giulio

Torna su
NapoliToday è in caricamento