menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Jasmina Tesanovic e Bruce Sterling

Jasmina Tesanovic e Bruce Sterling

Sterling mai rapinato a Napoli, parla la moglie: “Bufala, i giornalisti non capiscono l'inglese”

Parole fraintese e tradotte male, un'intera vicenda (quella di uno scippo alla donna) travisata: si sgonfia il caso che ha visto Napoli e lo scrittore loro malgrado protagonisti

La notizia della rapina a Napoli subita da Bruce Sterling, autore di fantascienza di fama mondiale, era una bufala, o quasi. È stata la moglie dello stesso Sterling, Jasmina Tesanovic, a renderlo noto sul suo profilo social.

La rapina non c'è stata – c'è stato “uno scippo minore”, così lei lo ha definito, ai danni della stessa Tesanovic – e Sterling non ha mai lanciato accuse contro la città di Napoli.

Tutte balle – scrive la moglie di Sterling, scrittrice, giornalista e regista serba - Bruce non ha mai detto questo perché non è successo a lui ma a me, uno scippo minore. Ma anche in polizia volevano che lui, il maschio, entrasse con me per fare la denuncia, nonostante il fatto che non parli l'italiano e che non fosse lui la vittima”.

“Insomma – prosegue la Tesanovic, nota attivista femminista – una donna non può nemmeno essere scippata con il suo vero nome e cognome”. “E Napoli – prosegue – non c'entra, tutta Italia è cosi! Con i giornalisti che non capiscono l'inglese ma si nutrono di scandali e di celebrità”. Insomma, avrebbero raccolto e tradotto male le parole di suo marito.

Ma la moglie di Sterling prosegue e aggiunge che la peggiore rapina della sua vita l'ha subita sì in Italia, ma non a Napoli bensì nella città in cui vive: Torino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione giovedì 21 gennaio 2021

Attualità

Gomorra 5, la stagione conclusiva è alle porte: anticipazioni puntate

Attualità

Mina Settembre, anticipazioni puntata 31 gennaio

Arredare

Vomero: apre un mega Scavolini Store

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento