I media e Napoli

I media e Napoli

Polemiche per "Adrian": nella serie animata di Adriano Celentano la peggiore Napoli

La Napoli del 2068 viene rappresentata come una megalopoli tecnologica, sporca, cattiva, totalmente alla mercé della criminalità organizzata

Una Napoli distopica, in cui la corruzione – con cui solitamente l'immaginario cyberpunk caratterizza il futuro prossimo o remoto – non fa che evidenziare alcuni luoghi comuni solitamente attribuiti alla città: è lo scenario che, tra le polemiche, la serie tv "Adrian" di Adriano Celentano ha presentato ai suoi spettatori.

Napoli è una megalopoli tecnologica, sporca, cattiva, totalmente alla mercé della criminalità organizzata con tanto di grattacielo "Mafia International" nel centro cittadino.Insomma, come recita la serie: "Nel 2068 la città di Napoli sarà agghiacciante".

Non è il primo caso mediatico che scoppia sulla serie animata di Celentano. Già lo spot aveva generato polemiche, a causa di un volume più alto di 10 decibel (tanto, impossibile da non notare, troppo) rispetto alla media delle trasmissioni usuali.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rissa in una discoteca in Spagna, giovane in grave condizioni. Napoletani in manette

  • Notizie SSC Napoli

    Serie A, il Napoli chiude il campionato a bocca asciutta: 3-2 a Bologna

  • Incidenti stradali

    Incidente in moto per lo speaker del San Paolo Decibel Bellini: "Sto bene, tranquilli"

  • Cronaca

    Emozione per il varo della nave Trieste a Castellammare, presente anche il Presidente Mattarella

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 20 al 24 maggio

  • Elezioni Europee 2019: tutte le liste e i candidati Italia Meridionale

  • Tangenziale, tir si ribalta: code per 7 km

  • Upas, Davide Devenuto (Andrea) potrebbe lasciare la soap: "Non è semplice..."

  • "Portiamo Messi al Napoli. Tu la trattativa e io gli sponsor": l'invito del manager a De Laurentiis

  • Dramma in strada: ragazzo muore davanti agli occhi dei passanti

Torna su
NapoliToday è in caricamento