Gossip

Gossip

Maradona, il ricordo a 50 anni dalla morte di Che Guevara

Il Pibe dedica un post al suo mito Che Guevara, ricordando anche l'episodio di San Siro quando uno stadio intero fischiò l'Argentina, il suo inno e lo stesso Maradona

Dalla pagina Fb di Maradona

Che Guevara è sempre stato un mito per Diego Armando Maradona, come il suo tatuaggio di vecchia data non ha mai nascosto. A 50 anni dalla morte, il Pibe lo ha ricordato con un post sui social.

“#Che Guevara, a 50 anni dalla tua morte, i tuoi occhi sono ancora più aperti che mai – scrive Maradona – Ci sono stati molti comandanti, ma mai uno come te. Mi chiedo, com'è possibile che a oggi non ne si siano stati rimpatriati i resti? Vorrei che nelle scuole, ai ragazzi di 15 o 16 anni, si raccontasse la sua, e che loro possano trarre le proprie conclusioni. Ma la tengono nascosta, perché hanno paura di lui. Perché quelli che sono venuti dopo ci hanno dato merda, invece di cibo. E VILLE, invece di case. Possono biasimarmi, ma non mi interessa. L'ha fatto il San Siro intero, con 80.000 persone che mi fischiarono l'inno e mi gridarono "Maradona figlio di puttana". E quando l'ho raccontato alla mia vecchia, si è uccisa dalle risate. Quindi non mi interessa. Fino alla vittoria, sempre!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Grave incidente stradale in vacanza, muore Lello Iodice: lascia la moglie e tre figli

  • Coronavirus, Vincenzo De Luca: "Sui traghetti bande di criminali. Servono le forze dell'ordine a bordo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento