Gossip

Gossip

Desirée Popper lascia Uomini e Donne: Mattia Marciano deluso

La tronista abbandona inaspettatamente il percorso. Il corteggiatore napoletano lascia lo studio senza salutarla

È stata registrata questo pomeriggio una nuova puntata di "Uomini e Donne" dedicata al Trono Classico. Colpo di scena per la tronista Desirée Popper che ha deciso di lasciare il percorso televisivo. Come si legge sul sito di Uomini e Donne:

Entra Desirée, in studio c’è un silenzio “rumoroso”. Mattia aspetta che lei parli e tutti aspettano la stessa cosa, finalmente lei dice che ha cercato di innamorarsi con tutte le sue forze ma non è successo, non riesce a pensare a se stessa e Mattia fuori insieme, lo sente come un amico… e anche gli altri sono ottime persone ma lei non è coinvolta. Gianni trova assurda questa decisione a due puntate dalla fine, Mattia è furioso e trova la cosa inconcepibile perché sa cosa hanno provato insieme…Rosa gli dice che forse si è fatto un film e Maria concorda, la tronista spiega che le cose sono cambiate dopo il loro bacio perché è lì che le strade si sono separate, Gianni le chiede se ha qualcuno fuori, lei nega e Mattia, delusissimo lascia lo studio senza salutarla; Desirée ringrazia tutti ma Rosa ha qualcosa da dirle, lei non ascolta, saluta i suoi ex corteggiatori e lascia lo studio. Mariano sta per uscire ma poi viene trattenuto in studio, Simone si sente preso in giro, invece Riccardo ci aveva visto giusto ma le è grato lo stesso per le belle sensazioni, Gianni è convinto che lei abbia sempre recitato, Riccardo la difende ma Maria trova che non avere accettato il confronto con Rosa sia stato uno sbaglio.

Nulla da fare dunque per Mattia Marciano, il corteggiatore napoletano dato tra i favoriti.

Gossip

Indiscrezioni, pettegolezzi, news, foto e video delle star napoletane. In primo piano la vita di calciatori, gieffini, veline, modelle, cantanti e attori. Chi sono, cosa fanno, come e dove. Tutto in prima pagina.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento