rotate-mobile
Salute

Tumori, come funziona il nuovo vaccino contro il melanoma

Utilizza la tecnologia a mRNA. Il commento di Paolo Ascierto, luminare nel campo della lotta ai tumori della pelle

Potrebbe essere in dirittura d'arrivo il nuovo vaccino a mRNA contro il melanoma, la forma più grave di cancro della pelle. A svilupparlo l’azienda americana Moderna in collaborazione con la multinazionale tedesca Merck.  Lo studio ha coinvolto 157 pazienti con melanoma di stadio III o IV (considerati ad alto rischio di recidiva) ai quali è stato somministrato il vaccino (mRNA-4157/V940) in combinazione con un farmaco immunoterapico anti-PD-1 (Pembrolizumab), dopo la rimozione chirurgica completa del tumore. I risultati sono stati sorprendenti: il rischio di recidiva o morte per questi pazienti si è ridotto del 44% rispetto a chi ha ricevuto il solo Pembrolizumab.

"Enorme potenziale"

Su Today il professor Paolo Ascierto, Direttore dell'Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative del Pascale di Napoli, ha così commentato con Barbara Fiorillo l'importante novità nel campo della lotta alla cura dei tumori della pelle: "Sono molto incoraggianti i risultati raggiunti, ma da validare con uno studio di fase 3, in partenza a breve, che coinvolgerà un più ampio numero di pazienti. Siamo ancora agli inizi, ma è evidente che i vaccini a mRNA e i trattamenti personalizzati contro il cancro hanno un enorme potenziale. I vaccini personalizzati vengono progettati per istruire il sistema immunitario del paziente in modo che questo generi una risposta immunitaria su misura specifica per la sua mutazione tumorale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumori, come funziona il nuovo vaccino contro il melanoma

NapoliToday è in caricamento