rotate-mobile
Salute

Stroke Unit del Policlinico Federico II: nuovo apparecchio per la diagnosi

Sarà in funzione da questo mercoledì, 13 luglio

Prosegue il lavoro di ammodernamento tecnologico voluto e realizzato dalla direzione generale del Policlinico Federico II di Napoli per favorire tempestività ed efficacia nei percorsi di cura, quanto mai importanti per i pazienti oncologici e nelle reti tempo dipendenti.

Nuove dotazioni hi-tech

Questo mercoledì, 13 luglio (ore 10), sarà messo in funzione, presso l’U.O.S.D. di Neuroradiologia Interventistica (Edificio 16), guidata dal prof. Francesco Briganti, la nuovissima Tac 64 strati* che adopera specifici software di “neuroperfusion”, grazie alla quale è possibile studiare il cervello attraverso la “whole brain perfusion”, cruciale in caso di ictus per valutare i possibili benefici di un intervento endovascolare di trombectomia.

Sempre mercoledì sarà attivato anche l’innovativo Tomografo RM 1.5 Tesla Signa Voyager di GE Healthcare che va a potenziare la dotazione della U.O.C. di Diagnostica per Immagini e Radioterapia (Edificio 10) diretta dal Prof. Arturo Brunetti.

"Un ulteriore passo avanti per l'efficace organizzazione della Stroke unit", commentano al Policlinico federiciano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroke Unit del Policlinico Federico II: nuovo apparecchio per la diagnosi

NapoliToday è in caricamento