Sabato, 23 Ottobre 2021
Salute

Depressione, ansia, stress: 3 giorni di visite gratuite al Policlinico della Federico II

Da venerdì 8 ottobre fino a domenica 10 consulti e diagnosi per le donne di tutte le età e counseling neuropsichiatrico in telemedicina per l’infanzia e per l’adolescenza

In occasione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, il Policlinico Federico II aderisce all’open weekend dedicato alla salute mentale promosso da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

Da venerdì 8 a domenica 10 ottobre saranno offerti gratuitamente servizi clinico-diagnostici e informativi rivolti alle donne con l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza della diagnosi precoce e per favorire l’accesso alle cure, aiutando a superare pregiudizi, stigma e paure legate alle malattie psichiche.

Colloqui, infopoint e telemedicina

Colloqui informativi per pazienti e familiari nell’area della psichiatria, colloqui psicologici e un infopoint per “conoscere lo psicologo”, e la possibilità di effettuare un counseling neuropsichiatrico per l’infanzia e per l’adolescenza in telemedicina sono le attività proposte dalle equipe dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, di cui alcune richiedono la prenotazione (consultare www.policlinico.unina.it)

Un'epidemia silenziosa

Si stima che in Italia oltre 2 persone su 10 presentino un disturbo mentale grave o lieve/moderato. In particolare, a causa della pandemia, secondo la Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia, sono almeno 150.000 i nuovi casi di depressione dovuti soltanto alla perdita di lavoro generata dalla crisi economica in corso. Ad alto rischio sono soprattutto le donne: più predisposte alla depressione e più colpite nell’ambito lavorativo dal Covid-19.

«Valutare correttamente l’impatto della pandemia sulla salute dei cittadini significa anche essere consapevoli dei gravi danni che derivano a livello psicologico da due anni di convivenza con il virus. Ansia, depressione, disturbi del sonno ed effetti post-traumatici da stress sono oggi ostacoli concreti nella vita di moltissime persone; il nostro compito è quello di non sottovalutare questi problemi e, anzi, fare in modo che il sistema sanitario pubblico possa offrire risposte concrete di cura o quantomeno di gestione dei sintomi», sottolinea il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, Anna Iervolino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depressione, ansia, stress: 3 giorni di visite gratuite al Policlinico della Federico II

NapoliToday è in caricamento