Epatite C e malattie croniche del fegato: una scuola per i familiari dei pazienti

L'iniziativa sarà presentata lunedì alle 14.00 nell'Aula multimediale del Frullone. Epatite B e C restano ancora oggi diffusissime nel territorio di Napoli e provincia

La gestione delle malattie croniche del fegato non è facile per le famiglie: dubbi, ansie, stress emotivo e stanchezza uniti ai problemi della patologia possono rendere molto difficile la vita in comune e al tempo stesso far perdere efficacia  all'assistenza prestata a casa. Per questo, con l'obiettivo di favorire il benessere del malato e migliorare la qualità di vita della famiglia nel suo complesso, la Asl Napoli 1 vara un'iniziativa unica nel suo genere in Campania e fa partire  la prima "Scuola di formazione" dedicata ai congiunti dei pazienti epatopatici cronici.

Il progetto formativo si propone di fornire a chi si prende cura di un congiunto tutti gli strumenti per farlo nel migliore dei modi garantendo informazioni precise e puntuali, consigli pratici, risposte a dubbi o incertezze, e il supporto di personale specializzato . L'importanza dell'iniziativa, sotto l'aspetto sociale e medico, è evidente se si considera che nel nostro territorio ogni anno moltissime persone contraggono il virus dell'epatite B e, soprattutto, dell'epatite C. Nel solo 2018 sono stati più di 20.000 i trattamenti con nuovi antivirali ad alta efficacia clinica erogati a pazienti che hanno contratto l'epatite C.

«Si tratta di un progetto di medicina proattiva – spiega il Commissario Straordinario dell'ASL Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva - per offrire risposte pratiche alle esigenze, anche latenti, dei nostri assistiti, reso possibile dal supporto dei Presidi Ospedalieri e dei Distretti Sanitari di base, nella consapevolezza delle difficoltà che la malattia epatica cronica comporta e delle ricadute sulla qualità di vita non solo dei pazienti, ma anche delle loro famiglie". Per questo nel percorso terapeutico sono coinvolte figure professionali e sedi diverse di cura - medici di Medicina Generale in Aggregazioni Funzionali Territoriali c.d. A.F.T., Presidi Ospedalieri e Distretti Sanitari di Base - che grazie al nuovo progetto potranno avvalersi del supporto "qualificato" degli stessi familiari che si prendono cura a casa dei pazienti per cui non è necessaria l'ospedalizzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento