Salute

Prevenzione anti-CoVid: un tunnel hi-tech per Dermatologia

Il dispositivo monitorerà chi entra nel reparto e provvederà alla disinfezione di abiti ed oggetti in tempi record

Per contenere il rischio Sars2-CoVid19, grazie alla disponibilità del direttore generale dell’Azienda Anna Iervolino. la Direzione della Unità Operativa Clinica di Dermatologia della A.O.U. Federico II (Edificio 10) ha installato all’ingresso del reparto  un “tunnel di sanificazione”.

Realizzato con la più avanzata tecnologia e materiali all’avanguardia, il “tunnel” è un dispositivo equipaggiato con termoscanner per la misurazione della temperatura di chi lo percorre e getti di soluzione disinfettante che igienizzano a tempo record indumenti ed oggetti.

Il tunnel sarà inaugurato ufficialmente lunedì mattina, dalla Prof. Fabbrocini e dai dermatologi della UOC, alla presenza, tra gli altri, del direttore del Dipartimento ad Attività Integrata di Sanità Pubblica Maria Triassi.

L’installazione del Tunnel – spiega la Prof. Gabriella Fabbrocini, direttore della U.O.C. oltre che della Scuola di specializzazione della Dermatologia federiciana - rientra nell’ambito di una serie di iniziative intraprese per garantire, a fronte della perdurante emergenza sanitaria da Sars2/CoVid19, la continuità assistenziale nella massima sicurezza per i pazienti come per medici, operatori sanitari e personale amministrativo. L’inaugurazione si pone pertanto come momento di confronto e divulgazione delle best practices di igiene e prevenzione, in ogni ambito, ragione della convivenza con il rischio CoVid cui siamo tutti costretti in attesa dell’auspicato vaccino”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prevenzione anti-CoVid: un tunnel hi-tech per Dermatologia

NapoliToday è in caricamento