Influenza, Campania tra le regioni più colpite: come evitare il contagio

I dati del sistema di sorveglianza sanitario Influnet dicono che i più colpiti risultano essere i bambini

L'epidemia influenzale quest'anno si sta rivelando particolarmente aggressiva . I dati di "Influnet", il sistema di sorveglianza della sindrome influenzale, dicono che la Campania è una delle regioni dove il virus registra il contagio più elevato: febbre, tosse e dolori articolari e muscolari sono i sintomi principali provocati dal virus. 

I bambini sono i più colpiti Ad essere colpiti dall'influenza sono soprattutto i bambini: “Negli studi dei pediatri di famiglia- sostiene infatti Antonio D’Avino, vicepresidente della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) – sono aumentate enormemente le visite per influenza. Ad essere maggiormente colpiti risultano i bambini al di sotto dei cinque anni, e solo grazie alla chiusura delle scuole per le festività natalizie abbiamo registrato, nell’ultima settimana del 2019, un lieve calo dei casi”.

Le precauzioni Semplici ma essenziali le precauzioni da adottare per evitare la diffusione del virus, indicate dal Ministero della Salute sul proprio sito:

evitare luoghi affollati,

lavare regolarmente e frequentemente le mani con acqua e sapone o, in alternativa, con soluzioni detergenti a base di alcol oppure salviettine disinfettanti,

aerare regolarmente le stanze dove si soggiorna.

“Bastano questi pochi accorgimenti – conclude D’Avino – per limitare significativamente il propagarsi dell’epidemia”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento