rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Salute

Chirurgia cardiovascolare: nuovi obiettivi per il Policlinico federiciano

L'azienda ospedaliera della Federico II è stata tra i pionieri delle nuove tecniche mini-invasive che consentono di operare pazienti in età avanzata e con patologie che la chirurgia convenzionale non può trattare per l'elevato rischio di mortalità

Applicare la chirurgia endovascolare al trattamento delle patologie dell’aorta ascendente per completare ‘la rivoluzione endovascolare’ cominciata in Italia agli inizi degli anni Duemila: è il prossimo obiettivo, clinico e formativo, cui punta la Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II. Se n'è discusso nel corso dell'incontro "La chirurgia endovascolavre dell’aorta: venti anni dopo", presso l’aula magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Ateneo.

"Al Policlinico federiciano siamo stati dei pionieri nel 2000 – ha spiegato Gabriele Iannelli, coordinatore scientifico e direttore della Scuola di Specializzazione di Cardiochirurgia - e ora la tecnica è così sviluppata che siamo pronti per poter affrontare segmenti di aorta toracica-addominale sempre più estesi e in pazienti in condizioni veramente estreme. Riteniamo che nel giro di pochi anni sarà possibile ultimare il percorso di questa rivoluzione endovascolare riuscendo a intervenire anche sull’aorta ascendente dando così una risposta clinica a pazienti di età avanzata e con altre patologie che la chirurgia convenzionale non potrebbe trattare a causa di una mortalità molto elevata’’.

Nel corso degli ultimi venti anni, la chirurgia endovascolare si è andata progressivamente espandendo e perfezionando per la minore invasività e per i buoni risultati ottenuti in elezione e in urgenza soprattutto se paragonati a quelli della chirurgia convenzionale.

L’affinamento dei devices e dei sistemi di introduzione con la modernizzazione delle tecniche chirurgiche sostenute dalla qualità delle immagini integrata dai nuovi sistemi di lettura computerizzata ha favorito il diffondersi delle metodiche endovascolari permettendo un miglioramento dei risultati con una riduzione sensibile dei tempi di ospedalizzazione.

‘’La nostra Scuola di specializzazione in Medicina e Chirurgia – dice la presidente Maria Triassi – si pone ancora una volta come un esempio nella sua capacità di riuscire a coniugare l’alta specialità e l’emergenza offrendo così ai propri specializzandi e agli studenti dei corsi di laurea opportunità formative d’eccellenza perché oltre alle tecniche cardiovascolari convenzionali hanno la possibilità di confrontarsi con metodologie innovative e all’avanguardia e dunque possiamo dire che i nostri specializzandi hanno una formazione completa e con uno sguardo sempre rivolto al futuro della medicina’’. E nell’ottica di incrementare il bagaglio di conoscenze degli specializzandi in cardiochirurgia e dei tecnici di perfusione cardiovascolare, da quest’anno è stato istituito presso la Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Ateneo federiciano il Master di perfezionamento di I livello rivolto a perfusionisti e tecnici affinchè tali figure siano di supporto al cardiochirurgo nella realizzazione di metodiche sempre più complesse e a minore invasività. ‘’Oggi lanciamo un messaggio didattico, clinico e scientifico proiettato anche verso la sperimentazione grazie alla collaborazione con il Centro di Biotecnologia dell’ospedale Cardarelli – ha concluso Iannelli - L’obiettivo della chirurgia endovascolare è migliorare la qualità della vita dei pazienti e analizzando i risultati in oltre 1000 pazienti trattati si può affermare che tale obiettivo è stato raggiunto”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chirurgia cardiovascolare: nuovi obiettivi per il Policlinico federiciano

NapoliToday è in caricamento