Ascoltare fa bene alla salute, il calendario

Scaricabile online gratuitamente il calendario 2020 realizzato dall'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II

Quindicesima edizione per il calendario realizzato dall’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II che propone, per ogni mese, una riflessione che "fa bene alla salute" attraverso un aforisma e una colorata immagine grafica di Emanuela Buccelli.

 L'edizione 2020 è dedicata all’importanza dell’ascolto: “Il tema è stato scelto per stimolare professionisti della salute e pazienti a riflettere sull’importanza di "essere qui e ora" nei processi di comunicazione. Porre il paziente al centro, ascoltando con attenzione i suoi bisogni e il suo vissuto di malattia, rappresenta, infatti, un’opportunità per tutti gli attori del processo di cura, così come indicato nella programmazione regionale che rivolge particolare attenzione alla qualità della relazione perché contribuisce ad una maggiore efficienza ed efficacia dei processi sanitari”, spiega il direttore generale del Policlinico Federico II Anna Iervolino.

La realizzazione del calendario, scaricabile gratuitamente on line dal sito dell’Azienda federiciana, a partire dal 1° gennaio, è stata curata da un gruppo di lavoro coordinato da Grazia Isabella Continisio, responsabile della Formazione risorse umane dell’Azienda, costituito da Carmela Bravaccio, Nelson Mauro Maldonato, Teresa Rea, Alessandra Dionisio, Alessandro Coccia, Gennaro Davide D’Errico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parla tata Rosa (Nunzia Schiano) de "Il Commissario Ricciardi": "Come me, una donna legata alle origini"

  • Esame a distanza, la studentessa piange e la mamma interviene contro il prof: il video è virale

  • Nebbia intensa a Napoli, Pozzuoli e sulle Isole: il motivo e le foto

  • Commissario Ricciardi - Chi la spunterà tra Enrica e Livia? Le anticipazioni dell'ultima puntata

  • Covid, arriva l'ordinanza: dal 1 marzo chiuse tutte le scuole

  • Draghi e i tagli al Reddito di Cittadinanza: 166mila famiglie napoletane col fiato sospeso

Torna su
NapoliToday è in caricamento