Difese immunitarie e carenza di vitamina D: cosa devi sapere

Più di 8 pazienti su 10 ricoverati per Covid mostrano una carenza di vitamina D

Per il sistema immunitario da sempre la vitamina D svolge un ruolo fondamentale. Liposolubile, necessaria per l'assorbimento di minerali preziosi come calcio e magnesio, la vitamina D ha infatti un'azione modulante nei confronti del sistema immunitario, contribuendo a regolare la risposta difensiva dell'organismo.

Carenza di vitamina D e rischi per la salute 

La carenza di vitamina D è stata associata a diversi tipi di malattie.Può infatti causare diversi sintomi e patologie: debolezza muscolare, ossa fragili, difficoltà di concentrazione, stanchezza ricorrente, diabete e ipertensione. Secondo un recente studio pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism condotto in Spagna, inoltre, la carenza di vitamina D è stata riscontrata in più di 8 pazienti su 10 ricoverati per Covid.

Mentre in Gran Bretagna è in corso un altro studio volto a capire se la vitamina D ha davvero un ruolo protettivo nei confronti del Coronavirus, scopriamo quali sono gli alimenti più ricchi di vitamina D, così da integrarne l'assunzione, e come scoprire se si soffre di una carenza di questa vitamina.

Come individuare la carenza di vitamina D

Il fabbisogno giornaliero di vitamina D è stimato intorno alle 400 - 600 IU (unità internazionali), valore che però sale decisamente se non ci si espone sufficientemente alla luce solare, arrivando a toccare i 1.000 IU al giorno.

Per sapere se si ha una carenza di vitamina D è sufficiente fare un esame del sangue: il valore che misura il livello della riserva nel sangue si chiama “25-OH vitamina D”, ed è considerato nella norma se compreso tra le 75 nmol/l (30ng/ml) e le 200 nmol/L (80ng/ml). Si può parlare di carenza di vitamina D quando la concentrazione di 25-OH-D è inferiore alle 30 nmol/l (12 ng/ml). 

Di conseguenza, nel caso in cui non sia possibile esporsi alla luce solare e integrare la dieta con alimenti ricchi di vitamina D, è bene assumere degli integratori specifici, rivolgendosi ad uno specialista per poter costruire uno schema di cura efficace ed evitare il rischio di incorrere in un eccesso di vitamina D.

Vitamina D: gli alimenti più ricchi

La vitamina D viene principalmente prodotta attraverso una reazione chimica che dipende dall'esposizione alla luce solare, in particolare dall'irradiazione UVB, mentre con l'alimentazione è possibile introdurre solo tra il 10 e 20% del nostro fabbisogno quotidiano. Sebbene, quindi, l'assunzione tramite alimentazione non sia risolutiva, mangiare alimenti ricchi di vitamina D con una certa regolarità può essere di aiuto. 

Ecco quindi quali sono gli alimenti più ricchi di vitamina D

  • salmone fresco -  che contiene 10,9 μg di vitamina D ogni 100 grammi;
  • pesce spada - 13,9 μg di vitamina D ogni 100 grammi di prodotto;
  • sgombro -  13,8 μg di vitamina D ogni 100 grammi di parte edibile;
  • sardine - 4,8 μg di vitamina D su 100 gr;
  • uova - il tuorlo è la parte più ricca di vitamina D: con due uova se ne assumeranno circa 2 μg;
  • tonno - con 1,7 μg di vitamina D ogni 100 grammi (anche per il tonno in scatola);
  • latte - con 1,3 μg di vitamina D 100 grammi di latte intero;
  • fegato di bovino - con 1,2 μg ogni 100 grammi;
  • funghi - 100 grammi di funghi contengono circa 0,2-0,4 μg di vitamina D;
  • cioccolato fondente - circa 1,90-5,48 µg per 100 g di prodotto .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rottura con Gigi D'Alessio, Anna Tatangelo: "Lui il classico napoletano che vuole tutti intorno"

  • E' morto Gianni De Luca, trovato senza vita in albergo

  • I 6 sughi napoletani più famosi

  • Febbre e sintomi da Covid dopo la seconda dose di vaccino: il caso di un infermiere napoletano

  • Gomorra 5, la stagione conclusiva è alle porte: anticipazioni puntate

  • Malore dopo la partita di tennis: morto il dottor D'Auria

Torna su
NapoliToday è in caricamento