Il profilattico come gesto d'amore: parte il 14 febbraio a Napoli la campagna di ANLAIDS

Contro la diffusione dell'Hiv e delle altre malattie veneree

Arriva anche nella nostra città, a partire dal 14 febbraio, giorno degli innamorati, e per due settimane, la campagna contro la diffusione dell'HIV che ANLAIDS-Associazione Nazionale per la Lotta contro l’Aids ha realizzato in occasione di San Valentino.

“M’AMA, NON M’AMA”  è il claim che comparirà su cartelloni di grande formato in varie zone della città, con l'immagine stilizzata della margherita che, almeno una volta nella vita, tutti abbiamo interrogato per conoscere i sentimenti del partner desiderato. “Non affidarti al caso. Anche un profilattico può essere un gesto d’amore. Non è mancanza di fiducia, ma rispetto per sé, per il partner o la partner. Per piacere, proteggiti e fai il test” è il messaggio che accompagna la campagna, firmata dal direttore creativo Paolo Iabichino, ideatore anche delle due campagne  ANLAIDS Se te ne fotti l’AIDS ti fotte e “#TIRIGUARDA”. 

Fondata nel 1985, ANLAIDS è la prima associazione italiana nata per fermare la diffusione del virus HIV e dell'Aids. Da brividi i dati statistici della patologia che continua a diffondersi, soprattutto tra i più govani:  In Italia ogni anno sono infatti oltre 3000 le persone che scoprono di aver contratto il virus dell'HIV e per molti la diagnosi è tardiva quindi potrebbero a loro volta aver trasmesso il virus ad altre eprsone ignare. Si stima, in particolare, che circa 15mila persone nel nostro Paese non sanno di essere infette perché non si sottopongono al test per l’Hiv. L’infezione  è dunque molto lontana dall’essere stata sconfitta. E questo - spiega ANLAIDS - soprattutto a causa della disinformazione, diffusa non solo tra le categorie ritenute più esposte, ma anche nella popolazione generale, spesso inconsapevole di avere avuto comportamenti a rischio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

  • Igiene orale e difese immunitarie: qual è la connessione?

  • Coronavirus, il bel gesto del portiere napoletano Sepe: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

Torna su
NapoliToday è in caricamento