rotate-mobile

VitignoItalia: Maschio Angioino o Castel dell'Ovo per la più grande manifestazione del Sud Italia dedicata al vino?

L'allestimento in corsa nel Maschio napoletano conquista pubblico, buyers e aziende

250 aziende da tutta Italia, 25 buyers internazionali da 15 Paesi, appassionati, esperti e curiosi da ogni angolo del globo, è stata un gran successo la 17ma edizione di VitignoItalia, a dispetto dell'eptacaidecafobia partenopea, delle inclementi condizioni meteo con continua pioggia scrosciante, e del cambio di location a poche settimane dall'evento a causa del verificarsi di problemi strutturali nella tradizionale sede di Castel dell'Ovo. Ed è ancora pioggia, ma di complimenti, per il patron della manifestazione, Maurizio Teti, che ha mostrato incomparabili capacità organizzative ed è riuscito in un'impresa che ai più pareva praticamente impossibile: l'allestimento in corsa al Maschio Angioino non solo è riuscito, ma è piaciuto moltissimo, tanto che alla fine della manifestazione si è aperto un vero dibattito su quale sia la sede ideale per la più prestigiosa manifestazione dedicata al vino del Sud Italia.

Maschio Angioino o Castel dell'Ovo? Pareri e commenti

"Un lavoro eccelso, una macchina organizzativa che ha visto uomini bagnati fradici ma instancabili. Solo chi non ha vissuto l'organizzazione e il meteo non può capire il lavoro svolto. Come sempre Vitigno Italia è stata vissuta con passione e fascino. Chapeau!" scrive ad esempio a Maurizio teti su Facebook Franca Di Mauro.

Il noto critico e giornalista enogastronomico Luciano Pignataro dichiara "Io francamente preferisco di gran lunga il Maschio Angioino alla sede storica". Gli fa eco la giornalista e blogger Aurora Rennella "Sono concorde". Il super-esperto di food & wine, già docente universitario, Antonio Lucisano dichiara "Stress test superato. Ora nessun obiettivo vi è precluso".

VitignoItalia 2023 (ph A. De Cristofaro - VitignoItalia)

Ancora, sempre su Facebook, Rino Romano scrive "la sede si è rivelata adeguata: meno panoramica, ma anche meno dispersiva...". E Stefano Giancotti aggiunge "È stato istruttivo e divertente come al solito, la pioggia ci ha regalato un momento romantico in più. E poi Vitigno è ormai anche il Luogo D’Incontro per eccellenza".  Ancora, Ryan Lewis: "Grande Maurizio Teti, tutti apprezzano il duro lavoro che tu e il tuo team avete dedicato alle sfide di quest'anno. Sono stati combattuti e vinti, completi di ombrello e stivali. Evviva il numero 18 Vitignoitalia Napoli". Decisamente tranchant infine Brunella Saccone: "Vitigno Italia è perfetto ovunque".

Video popolari

NapoliToday è in caricamento