rotate-mobile
Attualità

Fiori e bigliettini per la Venere distrutta: "Che dalle tue ceneri possa risorgere una città migliore"

"Una inutile minoranza non può inficiare la dignità di una città", è un altro dei messaggi più toccanti lasciati dai napoletani sulle ceneri dell'opera di Pistoletto in piazza Municipio

Per la distruzione della Venere degli stracci, opera di Pistoletto, avvenuta poco dopo le 4 del mattino in piazza Municipio, è stato fermato un senza fissa dimora italiano S. I., classe 1991. L'uomo è accusato dei reati di incendio e distruzione di beni culturali. 

Fiori e bigliettini per la Venere degli stracci (Foto di Nicola Clemente)

I messaggi più toccanti

In queste ore tanti napoletani stanno esprimendo il proprio sgomento per quanto accaduto in piazza Municipio e sulla scia di quanto avveniva con l'albero dei desideri della Galleria Umberto hanno voluto lasciare fiori e bigliettini in memoria dell'opera, come se si trattasse di una persona cara defunta.

Ecco alcuni tra i messaggi più toccanti: "Che dalle tue ceneri possa risorgere una città migliore", "In memoria di quella Napoli che ha partorito filosofi, artisti e poeti. Rip", "La delusione e l'amarezza sono mitigate dalla consapevolezza che una inutile minoranza non può inficiare la dignità di una città"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiori e bigliettini per la Venere distrutta: "Che dalle tue ceneri possa risorgere una città migliore"

NapoliToday è in caricamento