rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022

Vaccinazioni 5-11, i bimbi: "Lo facciamo per tornare a scuola con gli amici"

A Napoli sono 17 gli hub allestiti nelle scuole dell'infanzia e primarie. La campagna parte anche nell'Istituto Piscicelli. La preside: "Ho dovuto fermare le prenotazioni per eccesso di richieste". I genitori: "Rientrare in classe è una medicina contro la depressione".

C'è chi versa qualche lacrima, chi è perplesso, ma c'è anche chi non ci ha pensato su due volte. Sono i bimbi dell'Istituto comprensivo Piscicelli di Napoli, dove è stato allestito un hub vaccinale Covid-19 per la fascia 5-11. "Non ho avuto paura, dobbiamo vaccinarci tutti per tornare alla normalità" sostiene Francesco, che frequenta la prima media. 

E per loro, per gli alunni, tornare alla normalità vuol dire soprattutto tornare in classe in piena sicurezza: "Durante la Dad mi sono mancati tanto gli amici di scuola. - racconta un altro alunno, anch'egli di nome Francesco, 10 anni - Sono i compagni che ti aiutato a socializzare, a divertirti e farti distrarre". 

Anche i genitori sono apparsi convinti della scelta: "Non lo abbiamo fatto a cuor leggero - spiega una mamma - ma abbiamo consultato più i un pediatra e tutti ci hanno detto che era necessario per non sottoporlo al rischio dell'infezione". 

Il ritorno in classe con un numero di contagi così alto è sempre un tema divisivo, anche se un papà ricorda che "...anche la scuola è una medicina, una medicina per la mente perché a questi bimbi è stato tolto tanto". La preside Gabriella Talamo avanza qualche preoccupazione: "Forse attendere qualche settimana sarebbe stato più saggio. Tra docenti e alunni contagiati l'unico motivo per cui riesco a garantire la didattica a distanza è che il vicesindaco Mia Filippone ha sospeso la refezione, altrimenti non avremmo mai potuto garantire il distanziamento".

Soddisfazione, però, per l'apertura dell'hub nella palestra della scuola, il diciassettesimo negli istituti napoletani: "Ho dovuto bloccare le prenotazioni - afferma la dirigente - perché abbiamo avuto un numero di richieste elevatissimo". Presenti anche il vicesindaco di Napoli con delega alla Scuola Mia Filippone e l'assessore regionale al ramo Lucia Fortini. Quest'ultima si è soffermata sulla necessità di un piano di edilizia scolastica: "La situazione in Campania è critica. Ora ci sono i fondi del Pnrr ma chiediamo che Regioni possano affidare le risorse in base alla popolazione studentesca. Altrimenti avremo sempre aree in cui ci sono più asili del necessario e zone in cui non ce ne saranno abbastanza".    

Sullo stesso argomento

Video popolari

Vaccinazioni 5-11, i bimbi: "Lo facciamo per tornare a scuola con gli amici"

NapoliToday è in caricamento