Attualità

Vaccinazioni, le ipotesi per i prossimi mesi a Napoli: hub chiusi e terza dose da novembre

Nei piani medici di base e farmacie dovrebbero assumere un ruolo più importante. Intanto si prevede un rallentamento nella somministrazione delle seconde dosi ad agosto

Mentre oggi le farmacie, dopo numerosi rinvii, hanno iniziato a somministrare le prime dosi di Janssen, è in corso la programmazione per i prossimi mesi della campagna vaccinale.

Gli hub a Napoli stanno proseguendo a pieno ritmo: l'hangar Atitech a Capodichino, la Stazione Marittima, la Mostra d'Oltremare, la Fagianeria di Capodimonte e il Museo Madre vanno avanti nelle somministrazioni che adesso sono aperte a tutte le fasce d'età. In questi giorni sono partite anche le vaccinazioni per i ragazzi più piccoli: a Napoli ci sono 10.268 adesioni sulla fascia d'età 12-17 anni, 3.473 sono stati già vaccinati

Secondo fonti interne all'Asl Napoli 1 Centro, si andrà avanti così fino a fine luglio, poi il ritmo seguirà la necessità intanto - si prevede - molto calata. Inoltre, dovesse servire una terza dose nel prossimo inverno, gran parte delle somministrazioni dovrebbero essere delegate a medici di base e farmacie.

Per gli esperti infatti da novembre potrebbe entrare in agenda una terza dose, che coinvolgerebbe innanzitutto personale sanitario e cittadini over 80 anni. Ad occuparsene però non dovrebbero essere i grandi hub ma appunto medici di base e farmacie. In realtà qualche chiusura di hub ci potrebbe essere già a fine luglio, quando l'Asl partenopea prevede di chiudere la somministrazione della prima dose a tutti i napoletani che hanno aderito in piattaforma. Il ritmo ad agosto, per le seconde dosi, dovrebbe essere molto più blando.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccinazioni, le ipotesi per i prossimi mesi a Napoli: hub chiusi e terza dose da novembre

NapoliToday è in caricamento