rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Attualità

Turista bolognese innamorata di Napoli: "Ti stupisce e ti distrugge. E' diventata un pezzo di me"

La blogger e infermiera di professione elenca tutti i motivi per i quali Napoli è unica

Laura Bovi è una infermiera e blogger bolognese, innamorata di Napoli, dopo averla visitata. "Napoli si è fatta conoscere a me. Perché Lei si fa involontariamente conoscere per quella che in realtà non è. Voci e detti strani. “Attenzione a girarci, stai attenta…Non indossare orologi costosi se scendi!” E non vi dico la prima volta che sono scesa. Sapete cosa è successo? Sapete cosa succede?"

Che Napoli ti stupisce.

Napoli ti distrugge. Quanto c’è da camminare! E’ tutta su e giù, destra e sinistra, stretti vicoli nel centro, ampi viali panoramici che percorrono le zone “bene”.

Napoli è cultura.

Napoli è tradizione.

Napoli è chi ti sorride senza un motivo preciso, chi ti saluta anche se non ti conosce.

Napoli è l’ansia che ti prende quando devi ordinare un caffè preparato al secondo: “A signorì, tazzina calda? Vetro? Zuccherato? Amaro? Acqua? Liscia o con gas?”

Napoli è quando ti perdi e non sai dove andare, quando chiedi indicazioni e il napoletano ti ACCOMPAGNA direttamente a destinazione, senza chiedere nulla in cambio.

Napoli è l’orgoglio napoletano. E’ il sentirsi napoletano, facente parte di quella terra così straordinaria quanto complessa. E se l’ho capito io…

Napoli è il suo Vesuvio. Silente, potenziale traditore, ma sempre amato.

vesuvio-6-5

Napoli è il verde lussureggiante di Villa Floridiana, o del Bosco di Capodimonte, o del Parco Virgiliano.

bosco capodimonte-9

Napoli è i panorami ammirati dalla Certosa di San Martino o lì vicino.

Napoli è il suo Golfo in cui sono gelosamente custodite nell’ordine, da sinistra a destra (e guai a chi sbaglia!) Capri, Ischia e Procida.

Napoli è il mercato del sabato mattina sotto casa: chiasso. Chiasso. Chiasso.

Napoli è il pesce alla bancarella talmente fresco che ancora si muove.

mare napoli-7

Napoli sono i friarielli di Enzo: buste e buste infinite di friarielli sono risalite lungo lo stivale in questi tre anni.

Napoli sono le chiacchiere con Bobò e Maria, sul pianerottolo: devo loro ancora un pranzo insieme, mi stanno aspettando per cucinarmi il loro ragù.

Napoli è Posillipo e le sue ville.

Napoli è il Vomero. Il suo lungo viale alberato ricorda tanto la Rambla.

Napoli sono le buche sull’asfalto: con la moto è una goduria!

Napoli è il famosissimo digestivo al limone: acqua fredda, succo di limone e bicarbonato, e giù tutto d’un fiato! Potrete bissare qualsiasi pranzo.

Napoli è la parlata, il suo dialetto, la sua lingua. Se ce l’ho fatta io a capirla, ce la fate tutti!

Napoli è il quartiere Sanità, quello che forse è rimasto più impresso nella mia mente. Non posso descriverlo, bisogna visitarlo per credere.

Napoli è Via Toledo, Via Roma e la processione lampo della Madonna dell’Arco che passa all’improvviso fra la gente che fa shopping con un caos di trombe e tamburi da fare paura.

Napoli è la maestosità di Piazza del Plebiscito. Il lusso di Via Chiaia.

Napoli è la pizza: che una non ti riempie, ne mangeresti subito una seconda.

Napoli è le sue fritturine, i suoi cuoppi, la pizzetta a portafoglio, la frittatina.

Napoli è il fascino del centro storico, l’austerità del monastero di Santa Chiara.

santa chiara-4

Napoli è Pino Daniele.

Napoli è San Gennaro. Pensate: anche io ora porto un suo santino nel portafoglio!

Napoli è la corsetta su lungomare Caracciolo.

Napoli è le sue Vele.

Napoli è povertà e ricchezza assieme.

Napoli è il sole.

Napoli è la Costiera Amalfitana: colori, odori, viste mozzafiato sulle scogliere.

Napoli è il Non-Codice-Stradale. Attenzione: in rotonda la precedenza è di chi si immette, non di chi è già inserito!

Napoli è lo schiamazzare dei ragazzini che giocano a pallone in strada.

Napoli è il traffico. Provare per credere.

Napoli è l’affetto di una famiglia che ti accoglie in casa come figlia sua.

Napoli è…

Cosa è Napoli? La mia gioia e sofferenza.

Napoli è nel mio cuore. Sempre. Napoli è stata capace di corteggiarmi e conquistarmi. Napoli è stata ed è in grado di coccolarmi, farmi ridere, piangere, divertire.

Napoli è stata capace di “convertire” una del Nord, forse non ancora abbastanza ma ci sta lavorando.

Quante foto vorrei mettere, quanti ricordi ho nel cuore. Forse è meglio conservarli lì.

Napoli è…

Narcisista.
Affascinante.
Pasciuta.
Onirica.
Languida.
Incorreggibile.

Napoli è diventata un pezzo di me. E detto dalla sottoscritta è tanto. E chissà per quanto ancora lo sarà. Intanto lo è.

Napoli non si dimentica in fretta.

“Napule è mille culure
Napule è mille paure 
Napule è a voce de’ creature
che saglie chianu chianu
E tu sai ca nun si sule

Napule è nu sole amaro
Napule è addore e mare
Napule è na carta sporca
e nisciuno se ne importa
E ognuno aspetta a ‘ciorta

Napule è na’ camminata,
inte e viche miezo all’ ato
Napule è tutto nu’ suonno
e a sape tutto ‘o munno
Ma nun sann’ a verità

Napule è mille culure,
Napule è mille paure
Napule è nu sole amaro
Napule è addore è Mare
Napule è na carta sporca
e nisciuno se ne importa
Napule è na’ camminata
inte viche miezo all’ato
Napule è tutto nu suonno
e a sape tutto o’ munnoù

Napule è mille culure, Napule è mille paure
Napule è nu sole amaro, Napule è addore è Mare…”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turista bolognese innamorata di Napoli: "Ti stupisce e ti distrugge. E' diventata un pezzo di me"

NapoliToday è in caricamento