menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il teatro dove Troisi iniziò la carriera a rischio chiusura: petizione sul web per il Ministro Franceschini

L'iniziativa per salvare il Centro Teatro Spazio a San Giorgio a Cremano

Una petizione diretta al Ministro della Cultura Dario Franceschini per salvare il "Centro Teatro Spazio" a San Giorgio a Cremano, luogo in cui Massimo Troisi mosse i suoi primi passi da attore. Questa l'iniziativa promossa dal Comitato Terra Dea, che ha lanciato una raccolta firme sulla piattaforma Change.org.

"Il Centro Teatro Spazio dove Massimo Troisi mosse i primi passi non deve chiudere! Il piccolo grande teatro rappresenta un luogo storico per San Giorgio a Cremano; il luogo dove Massimo Troisi mosse i primi passi della sua carriera artistica, insieme ad Enzo De Caro e Lello Arena creando il noto gruppo La Smorfia. L’Associazione Culturale “Uno Spazio per il Teatro E.T.S.”, che in questi anni con abnegazione ha tenuto vivo il luogo della memoria legato al nostro concittadino Massimo Troisi, dedicandosi ai giovani ragazzi e bambini trasmettendo loro la cultura del teatro, oggi chiede aiuto alle Istituzioni affinchè questa realtà storico culturale non chiuda definitivamente i battenti. Il Comitato Ambientalista Terra Dea di San Giorgio a Cremano ha promosso questa petizione a sostegno dell’Associazione Culturale “Uno Spazio per il Teatro E.T.S.” affinchè il Centro Teatro Spazio continui a vivere, anche nel ricordo del grande Massimo Troisi", si legge nel testo della petizione, che ha già raccolto oltre 2000 adesioni. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Monte di Pietà in vendita, i cittadini: "No a ristoranti e matrimoni trash"

  • Cronaca

    “Chi ha ucciso Maurizio ha dato una coltellata all'intera città”

  • Cronaca

    “Cinque ore di attesa per essere vaccinati”: la denuncia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento