Cristiano Ronaldo con la cartella esattoriale sul presepe napoletano

Il maestro Ferrigno ha realizzato la nuova statuetta del campione portoghese dopo i guai col fisco

Foto Ansa

Ha una palla da carcerato al piede e sotto al braccio una cartella esattoriale da pagare. È la nuova immagine di Cristiano Ronaldo che il maestro Marco Ferrigno ha realizzato per il suo presepe napoletano di via San Gregorio Armeno. La nuova statuetta del campione portoghese è stata realizzata dopo che ha pagato il suo debito con il fisco spagnolo patteggiando la cifra di 18 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accanto a quella realizzata con la nuova maglia della Juventus adesso ci sarà anche questa nuova statuetta poco lusinghiera per il cinque volte Pallone d'oro. Si arricchisce così una collezione che racconta la vita di tutti i giorni del nostro Paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento