rotate-mobile
Attualità

Metro Linea 1, una rete di ripetitori ottici assicurerà una connessione stabile ai passeggeri: il progetto

Il Comune di Napoli, Cellnex Italia ed Anm hanno definito il contratto-concessione che consentirà la progettazione, realizzazione ed esercizio di un’infrastruttura DAS per la ripetizione del segnale radiomobile cellulare all’interno della Linea 1

Il Comune di Napoli, Cellnex Italia ed Anm hanno definito il contratto-concessione che consentirà la progettazione, realizzazione ed esercizio da parte della società Cellnex Italia di un’infrastruttura DAS (Distributed antenna system), una soluzione tecnologica multi-operatore per la ripetizione del segnale radiomobile cellulare all’interno della Linea 1.

L’impianto DAS, progettato da Cellnex nelle 16 stazioni della Linea 1, sarà costituito da una rete di repeater ottici, connessi ad una distribuzione capillare di antenne a minimo impatto visivo ed elettromagnetico, predisposti per la diffusione dei segnali degli operatori mobili.

"Cellnex Italia ha già realizzato e da sempre gestisce la copertura cellulare della metropolitana di Milano e fa parte del gruppo Cellnex Telecom, principale operatore di infrastrutture di telecomunicazioni in Europa. Il significativo investimento della società, con la realizzazione delle infrastrutture essenziali per la ripetizione del segnale radiomobile, consentirà, a tutti i passeggeri della metropolitana di Napoli, una copertura cellulare (dati e voce) stabile, e con elevate performance, per i loro smartphone e tablet, anche in situazioni di particolare sovraffollamento, incrementando così la qualità complessiva del servizio di trasporto e dell’esperienza di viaggio. Con la sottoscrizione del contratto, Cellnex Italia - ottenute le opportune autorizzazioni - darà seguito alla progettazione e alla realizzazione degli impianti", si legge in una nota di palazzo San Giacomo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metro Linea 1, una rete di ripetitori ottici assicurerà una connessione stabile ai passeggeri: il progetto

NapoliToday è in caricamento