rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024

Sciopero Taxi a Napoli: "Stop a multinazionali e caro-spese"

I tassisti incroceranno le braccia il 28 febbraio per chiedere la revisione del regolamento comunale: "Siamo penalizzati rispetto alle aziende internazionali che stanno entrando nel settore del trasporto con stipendi da fame e turni assurdi"

Napoli senza taxi per un giorno. I tassisti partenopei sciopereranno il 28 febbraio. Tre le rivendicazioni principali: argine alla conorrenza delle multinazionali, ritenuta "scorretta"; miglioramento della viabilità cittadina; revisione delle tariffe e del regolamento comunale. 

Per multinazionali si intenedono quei grandi brand che oggi offrono trasporto individuale nelle grandi città: "Sono entrate da tempo nel settore - spiega Rosario Gallucci, segretario di Orsa Taxi - ma a condizioni più vantaggiose delle nostre. Innanzitutto, pagano stipendi miseri. In secondo luogo, propongono turni di lavoro massacranti. In questo modo riescono a proporre tariffe stracciate". 

Il problema della viabilità è atavico per Napoli e gli effetti si sentono sulle tasche dei cittadini: "Viaggiamo alla velocità di un metro al minuto - prosegue Gallucci - e alla fine il cliente deve sborsare cifre blu. Non è possibile". Infine, c'è il tema del regolamento comunale: "Ci sono sanzionitroppo pesanti e le tariffe bloccate da vent'anni. Di contro, il costo della vita è aumentato del 26 per cento. Vuol dire che siamo molto più poveri di prima. Non possiamo andare avanti con il silenzio di questa amministrazione". 

Si parla di

Video popolari

Sciopero Taxi a Napoli: "Stop a multinazionali e caro-spese"

NapoliToday è in caricamento