rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Attualità

Sanremo 2020, Beppe Vessicchio ci sarà: aneddoti e curiosità sul direttore d'orchestra

Nel passato ha fatto parte anche di un noto trio comico napoletano

Buone notizie per i fans (non sono pochi) di Beppe Vessicchio. Come confermato da Amadeus durante "Che tempo che fa", condotta da Fabio Fazio, il direttore d'orchestra torna a dirigire durante la rassegna canora.

Molti i commenti positivi sui social per la presenza di Vessicchio a Sanremo, dopo le assenze del 2017 e del 2019. 

Biografia di Beppe Vessicchio

Nato il 17 marzo del 1956, il musicista, arrangiatore, direttore d'orchestra, compositore, personaggio televisivo italiano, compie i suoi primi passi nel mondo della musica nella sua città, dove realizza dischi per cantanti come Buonocore, Bennato, Di Capri, Gagliardi e Sastri. Poco dopo Vessicchio incomincia una fertile collaborazione con Gino Paoli, col quale scrive a due mani successi come Ti lascio una canzone, Cosa farò da grande, Coppi. Parallelamente nel 1975 esordisce nel gruppo dei Trettré, suonando chitarra e pianoforte. Presenza fissa (o quasi) a Sanremo dal 1990. Nel '94, nel '97, nel '98, vince il premio come miglior arrangiatore. Nell'edizione del 2000 viene premiato, sempre per gli arrangiamenti, dalla giuria speciale presieduta da Luciano Pavarotti. Ha vinto quattro Festival di Sanremo come direttore d'orchestra (nel 2000 dirigendo la canzone Sentimento degli Avion Travel, nel 2003 dirigendo la canzone Per dire di no di Alexia, nel 2010 dirigendo la canzone Per tutte le volte che di Valerio Scanu e, nel 2011, dirigendo Chiamami ancora amore di Roberto Vecchioni).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanremo 2020, Beppe Vessicchio ci sarà: aneddoti e curiosità sul direttore d'orchestra

NapoliToday è in caricamento