rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità

Scuola e quarantene, dal Governo: "Limitarle per i vaccinati". Novità sul Green pass

Le parole del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. Sul certificato verde: "È temporaneo e vedrà una fine quando finirà la fase pandemica del virus"

"È auspicabile e di buon senso liberare chi è vaccinato dalle quarantene". Così il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, ospite di ’24 Mattino’ su Radio 24. Si tratta di qualcosa che non verrà fatto subito "perché vi è sempre il rischio di varianti", ma l'obiettivo è passare "per un'ulteriore riduzione" dopo l'attuale "momento di transizione".

Le conseguenze sulla scuola

Si tratta di una decisione (ancora futuribile) che avrà i suoi effetti anche nelle scuole della Campania, in caso di scoperta di nuovi contagi. "Aspettiamo cosa dirà il Cts, ma anche qui il buon senso della vaccinazione e dell’opera di screening nella classi sotto i 12 anni anche con i test salivari dovrà limitare le quarantene per le classi. Poi dipenderà dal tipo di classe e da quella che è la possibilità di contatto. Nelle classi dei più piccoli è più facile che si verifichi un contatto e quindi è più difficile poter gestire delle quarantene ristrette – ha aggiunto il sottosegretario – mentre nelle classi in cui ci sono soggetti un po’ più grandi è chiaro che è tutto più semplice perché i contatti sono più limitati”.

Sul Green pass: "Finirà a fine pandemia"

Sileri ha parlato anche del Green pass, dal 15 ottobre richiesto a tutti i lavoratori pubblici e privati e obbligatorio per poter accedere a ristoranti, bar ed eventi. "Non è un passaporto che dura dieci anni, avrà una scadenza – ha spiegato – Non vivremo per sempre con il green pass, è temporaneo e vedrà una fine quando finirà la fase pandemica del virus”. La speranza, per la svolta in tal senso, è secondo il sottosegretario rimandata al 2022.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola e quarantene, dal Governo: "Limitarle per i vaccinati". Novità sul Green pass

NapoliToday è in caricamento