rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024

Aumento biglietti e stop ai superminimi: ecco il piano salva-Anm

Ci vorranno almeno sei mesi perché il Tribunale si pronunci sul piano anti-fallimento dell'Anm presentato dal Comune di Napoli. Riorganizzazione del personale, taglio dei superminimi e aumento dei biglietti alla base del progetto studiato da Napoli Holding, la società pubblica che possiede il 100 per cento delle quote dell'azienda dei trasporti. Non sono previsti licenziamenti, ma si valuteranno ossibili fuoriuscite agevolate. 

In gioco, c'è il futuro della linea 1 della metro, degli autobus e delle funicolari. A questo quadro, dal 2019, dovrebbe aggiungersi anche la rediviva linea 6. Il piano di salvataggio è stato redatto con Ernst&Young, società di consulenza fiscale. "Siamo passati dal baratro, prima di Pasqua, a questo piano che, se approvato, potrebbe farci chiudere l'anno con un pareggio di bilancio - spiega il sindaco Luigi de Magistris - Ma adesso è finito il tempo dei privilegi e dell'evasione dei biglietti. Napoli è l'unica città in cui l'Amministrazione mette gli stessi soldi della Regione per garantire il traposrto pubblico". 

Per l'assessore ai Trasporti, Mario Calabrese, saranno necessarie azioni forti: "L'aumento del biglietti è stato deciso da una delibera di Giunta. Dovrà aumentare di 10 cent nel 2018 (1,20 euro) e di 20 cent nel 2019 (1,30). E' necessario riorganizzare il personale, perché abbiamo bisogno di più autisti. Abbiamo fatto ricorso al Tar perché la Regione ha trasferito al Comune meno fondi di quanto previsti". Per il 13 luglio è previsto uno sciopero di tutti i dipendenti dell'azienda, "Spero possa essere revocato" le parole dell'assessore al Bilancio Enrico Panini. 

Video popolari

Aumento biglietti e stop ai superminimi: ecco il piano salva-Anm

NapoliToday è in caricamento