rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024

Un parco letterario creato da chi soffre di dipendenze

Il Centro Lilliput e la cooperativa Sepofà ha inaugurato uno spazio all'interno dell'orto sociale di Ponticelli. Presente il vicepresidente della Camera Sergio Costa

Dalle dipendenze alla letteratura. E' il percorso seguito dagli utenti del Centro diurno Lilliput dell'Asl Napoli 1. Un percorso che ha portato alla nascita del Parco letterario Lilliput di Ponticelli. L'orto sociale urbano più grande del Sud Italia da oggi ospita anche le dieci installazioni frutto del progetto realizzato dalla coop sociale Sepofà, in partenariato con Art33 e Dal Sociale, e finanziato dalla Chiesa Valdese. Dieci installazioni che raccontano il percorso seguito dai beneficiari del progetto. Dalla scrittura sensoriale al disegno con carboncino. Fino alla produzione dei cubi, realizzati con materiale da riciclo, installati questa mattina nell'orto urbano. Un percorso di integrazione degli utenti del centro diurno, con problematiche di dipendenza da sostanze e da gioco d'azzardo, con altri cittadini del territorio.

All'inaugurazione del Parco Letterario Lilliput ha partecipato il vicepresidente della Camera dei Deputati, Sergio Costa. "Per me è importante, da napoletano, essere qui perché significa poter dire che quando si vuole, con la passione, con la determinazione, con la competenza e anche con le menti illuminate di dipendenti pubblici - penso a chi ha dedicato parte della sua vita a questa attività - e con l'aiuto del terzo settore si può generare cultura e bellezza. Il Parco Letterario Lilliput è un grande segnale alla città di cultura e legalità". A dirlo il vicepresidente della Camera, Sergio Costa.

"Vedere il risultato del lavoro fatto in questi mesi di progetto è stato emozionante. Il progetto ha avuto un grosso impatto sulle persone seguite dal centro diurno Lilliput, sugli operatori, sul territorio, come ha dimostrato la copiosa partecipazione. L'orto sociale urbano di Ponticelli ora è più ricco, così come chi ha lavorato al progetto del Parco Letterario Lilliput. È stata una mattinata bellissima, volti emozionati hanno accolto l'anima di chi ha scritto, disegnato, realizzato le opere che vanno ad arricchire l'orto sociale urbano di Ponticelli. Un'oasi di bellezza che tutti dovrebbero conoscere, e da oggi possono farlo andando a vedere anche il Parco Letterario Lilliput" A dirlo la socia della cooperativa sociale Sepofà, Deborah Divertito.

Si parla di

Video popolari

Un parco letterario creato da chi soffre di dipendenze

NapoliToday è in caricamento