rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità Acerra

Ex Montefibre, il dramma dei lavoratori: "Aspettiamo da 17 anni"

Lettera aperta degli ex dipendenti del sito da tempo chiuso, ai quali fu promesso il reinserimento nel mondo del lavoro. "Non vogliamo vivere di assistenza statale – precisano – vogliamo vivere di lavoro in maniera degna"

I lavoratori dell’ex sito Montefibre Acerra hanno inviato una lettera aperta alle istituzioni: "Vedendosi abbondonati da chi avrebbe dovuto rappresentarli, in questo momento così difficile, comunicano che si sono costituiti in comitato".

Con la missiva "desiderano mettere in evidenza il grave ed annoso problema che li affligge da oltre 17 anni". Da allora, dalla chiusura "barattata con l’insediamento del termovalorizzatore", l'ex sito è diventato "terra di nessuno, dove vengono ad insediarsi nuove attività industriali senza tener conto degli accordi presi con le istituzioni e i sindacati che si occupavano della vertenza".

Gli ex dipendenti si dicono "sempre in attesa del rientro al lavoro promesso da tutti", ma che non avviene. "Ricordiamo che molte famiglie, circa 100, sono rimaste senza sussidio per vari motivi tecnici e burocratici assurdi, date anticipate, residenze fuori regione, Naspi che ha coperto per pochi mesi chi ne ha dovuto fare richiesta", insomma "cose fuori da ogni logica, se uno perde il lavoro deve essere tutelato a prescindere".

"Non vogliamo vivere di assistenza statale – precisano – vogliamo vivere di lavoro in maniera degna, come negli anni precedenti la sospensione delle attività. Ogni giorno 250 famiglie diretti ed indotto che si trovano ad aggrapparsi a flebili segni di speranza per le loro condizioni. Non sono più supportate da una politica industriale, tra poco, nemmeno da quella assistenziale, poiché l’età media è di circa 55 anni e nessuno di questi lavoratori ha i requisiti per la pensione e tanto meno per il mondo del lavoro, che richiede giovani, in quanto garantiscono incentivi e supporti fiscali".

"Cercate tutti insieme una risoluzione per queste famiglie, che già soffrono da troppo tempo – chiedono gli ex dipendenti Montefibre ai politici campaniComprendiamo bene che non è una cosa semplice e ci sono tante difficoltà, ma siamo certi che mettendo insieme la volontà e la forza di tutti si possono raggiungere grandi risultati. In particolare, promuovendo un tavolo di lavoro tra Governo e Regione per riaprire ciò che è stato interrotto. In questo momento di pandemia ci vediamo ancora più abbandonati e senza futuro. Ridateci la dignità a noi, ex lavoratori Montefibre ed a questa terra così delusa e maltrattata".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex Montefibre, il dramma dei lavoratori: "Aspettiamo da 17 anni"

NapoliToday è in caricamento