Coronavirus, la prima pagina di Libero: "Canta Napoli e si infetta"

Nuova provocazione del quotidiano. L'articolo a firma di Filippo Facci

La prima pagina di Libero

L'aumento dei contagi degli ultimi giorni in Campania offre lo spunto a Libero per l'ennesima provocazione. Il titolo sulla prima pagina di oggi del quotidiano fondato da Vittorio Feltri e diretto da Pietro Senaldi si commenta da solo: "Canta Napoli e si infetta. Ora il lanciafiamme di De Luca fa cilecca".

L'articolo riportato sulla prima è a firma di Filippo Facci, che introduce così il suo pezzo: "La sifilide viene definita 'mal francese' perchè comparve per la prima volta a Napoli nel 1495, dopo la discesa in città del re francese Carlo VII con le sue truppe. Solo i francesi, in tutto il mondo, continuano a chiamare la sifilide 'mal napoletano'". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Orrore in ospedale, per una sigaretta aggredisce un uomo e gli cava gli occhi

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

  • Scende dall'auto e si lancia nel vuoto dal ponte dei suicidi: muore 71enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento