rotate-mobile
Attualità

La passione di Cristo: a Forio d'Ischia l'evento più atteso

Torna Venerdì 7 aprile a partire dalle ore 20:00 la rappresentazione teatrale tra le più sentite del Sud Italia, promossa dall'ictus Tragicus con il patrocinio del comune di Forio. Oltre 200 comparse, 3000 spettatori da tutta la Campania e non solo

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

FORIO - Con il patrocinio del comune di Forio e l’organizzazione trentennale dell’Actus Tragicus, torna a Ischia la Passione di Cristo, con la regia di Valerio Buono. Un evento teatrale di importanza nazionale che negli anni non solo ha raccolto consensi nel panorama isolano, ma si è anche dimostrata una delle rappresentazioni più sentite e seguite, con oltre cinquemila spettatori. La Passione di Cristo si svolge nel comune di Forio, come anticipato, nella splendida cornice delle più suggestione location d’attrazione turistica dell’isola. Palcoscenico naturale diventano infatti le strade del paese all’ombra del Torrione, che in occasione della passione si arricchisce di settanta fari illuminanti, di un impianto sonoro con quaranta trombe che circondano il paese e ancora di sette palchi e di circa duecento comparse coinvolte. I luoghi della Passione sono quelli che circondano il cuore di Forio, dalla zona del piazzale dei Marinai d’Italia passando per l’iconico porto di attracco del paese, fino al piazzale del Soccorso, simbolo indiscusso non solo di Forio ma dell’intera isola d’Ischia. La Sacra rappresentazione de “La Passione di Cristo” edizione 2023, avrà inizio, in piazza Cristoforo Colombo con il Battesimo. Poi si sposta verso la piccola spiaggia dei pescatori, anti stante il municipio; spostandoci poi nel Piazzale Marinai D'Italia dove su palchi allestiti si svolgeranno tre scene denominate: “Ultima Cena”, “Orto Degli Ulivi” e “Sinedrio”. Percorrendo poi Via Giacomo Genovino si giungerà al Piazzale Cristoforo Colombo, dove si svolgeranno le scene “Pretorio di Pilato”, “Palazzo di Erode” e “Fustigazione”. Da qui ci si sposterà in Piazza Luca Balsofiore dove avrà inizio la Via Crucis, e percorrendo poi il Corso Francesco Regine, Via San Francesco e Via Soccorso, che saranno la Via del Calvario, fino a giungere al Piazzale Papa San Giovanni Paolo II° (ex Piazza Soccorso) dove su un' ulteriore palco allestito si concluderà la sacra rappresentazione con la scena della “Crocifissione”. La “Deposizione” avverrà sul sagrato della splendida chiesa del Soccorso. La Passione di Cristo è uno tra gli eventi teatrali più caratteristici e spettacolari dell’Isola d’Ischia. I numeri dell’Associazione attorno l’evento de La Passione di Cristo sono incredibili. Con oltre trecento metri quadrati di impegno scenografico, sette palchi e settanta fari per l’illuminotecnica, gli spazi pubblici foriani sembrano essere fatti per la rappresentazione. Ma oltre questo il suono e ancora l’impegno della filodiffusione con 40 trombe che rendono possibile l’ascolto dell’intero evento, ci sono soprattutto loro, le comparse. I costumi dei partecipanti alla Passione di Cristo di Forio sono interamente realizzati a mano e per questo anche di un alto valore economico oltre che emotivo. Non a caso anche per questa edizione 2023 l’Actus Tragicus ha investito i propri fondi facendo realizzare rispettivamente 8 costumi soldati romani, 4 vestiti guardie del tempio di Erode, 2 donzelli con calzari e bracciali in cuoio, 4 elmi per i soldati di erode, calzari in cuoio per i sacerdoti del sinedrio, 4 tamburi da parata, 1 lorica in cuoio e calzari per soldati romani. Anche le scenografie interamente realizzate nel tempo dall’associazione. 17 colonne dai diversi stili che abbelliscono la scena del tempio di Erode, del Sinedrio e del palazzo del console Ponzio Pilato. 50 metri quadrati di pannelli in legno disegnati e dipinti a mano per la realizzazione della scena dell’Ultima Cena e del tempio di Erode. 8 Cavalli e una Biga romana per accompagnare il procuratore Ponzio Pilato durante la sfilata. Per la nuova edizione 2023, infine, l’Associazione si è avvalsa della collaborazione dell’artista Angela Impagliazzo per la realizzazione del nuovo sfondo del palco dell’Ultima Cena. Un appuntamento da non perdere con il Patrocinio del Comune di Forio e l’organizzazione di un’intera cittadinanza a disposizione del pubblico isolano e non solo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La passione di Cristo: a Forio d'Ischia l'evento più atteso

NapoliToday è in caricamento