rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Attualità Pozzuoli

Il presidente Mattarella nomina Cavaliere al Merito della Repubblica una donna napoletana

L'importantissimo riconoscimento del capo dello Stato per l'impegno di Immacolata Carpiniello, legale rappresentante e amministratore della cooperativa sociale "Lazzarelle"

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, trenta onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a cittadine e cittadini che si sono distinti per un’imprenditoria etica, per l'impegno a favore dei detenuti, per la solidarietà, per il volontariato, per attività in favore dell'inclusione sociale, della legalità, del diritto alla salute e per atti di eroismo.

Il capo dello Stato ha individuato, fra i tanti esempi presenti nella società civile e nelle istituzioni, alcuni casi significativi di impegno civile, di dedizione al bene comune e di testimonianza dei valori repubblicani. La cerimonia di consegna delle onorificenze si svolgerà presso il Palazzo del Quirinale il 24 marzo 2023 alle ore 11.30.

Tra i nuovi insigniti c'è anche la napoletana Immacolata Carpiniello, 49 anni, legale rappresentante e amministratore della cooperativa sociale “Lazzarelle”, nominata Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana "per il suo impegno nella valorizzazione del lavoro delle detenute all’interno del carcere offrendo loro una opportunità di riscatto per una vita diversa dopo la detenzione". 

La storia delle "Lazzarelle"

Cooperativa di sole donne nata nel 2010, la Cooperativa sociale Lazzarelle produce caffè artigianale secondo l’antica tradizione napoletana, all’interno del carcere femminile di Pozzuoli. Il caffè delle Lazzarelle è nato mettendo insieme due soggetti deboli: le donne detenute e i produttori di caffè del sud del mondo.

“L’idea di fondo delle Lazzarelle è quella di investire risorse umane ed economiche in un percorso di formazione e produzione. L’obiettivo è duplice: da un lato favorire il rapporto con l’esterno per evitare il rischio buco nero della detenzione; dall’altro costruire un’impresa capace di stare sul mercato con un prodotto artigianale, etico e legato al territorio”.

Ci sono molti altri progetti: il “Bistrot Lazzarelle”, nella Galleria Principe di Napoli, la sartoria “Tessuti dentro”, e la “Pasticceria Lazzarelle”; e poi la ricerca in sinergia con l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”. Ad oggi il 90% delle “lazzarelle”, terminato il periodo di detenzione, non è rientrato nei circuiti criminali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il presidente Mattarella nomina Cavaliere al Merito della Repubblica una donna napoletana

NapoliToday è in caricamento