Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Comunità ucraina di Napoli: "Stanchi di questa situazione. Tanti bambini possono restare senza padre"

Parla Taras Zub, sacerdote della Comunità ucraina greco-cattolica di Napoli: "Preghiamo per la pace"

"Siamo stanchi di questa situazione e oggi lo siamo anche di più. Preghiamo per la pace, così come abbiamo fatto in questi 8 anni". A dirlo all'Adnkronos è Taras Zub, sacerdote della Comunità ucraina greco-cattolica di Napoli, che non nasconde il "grande dolore" suo e di tutta la comunità ucraina di Napoli nell'apprendere le notizie che arrivano dalla regione del Donbass.

"Ci sono nostri militari che muoiono e ci sono tanti bambini che temiamo possano restare senza un padre. Noi vogliamo la pace e preghiamo per la pace, lo abbiamo fatto durante questi 8 lunghi anni e continuiamo a farlo", prosegue Zub.

Gli ucraini di Napoli non sono stati i soli a pregare per la pace nel loro paese d'origine: domenica scorsa nel Duomo di Napoli si è tenuto, infatti, un incontro ecumenico di preghiera "per chiedere a Dio il dono della pace in Ucraina". In contemporanea, secondo quanto disposto dalla Chiesa di Napoli, i parroci della Diocesi hanno aggiunto "intenzioni di preghiera per invocare la pace nelle messe domenicali" e hanno fatto suonare le campane alle 17 "come segno comune".

Tutti gesti che hanno fatto sentire la vicinanza della comunità napoletana al popolo ucraino: "Abbiamo organizzato questa iniziativa insieme e ci siamo sentiti molto vicini. Abbiamo pregato tutti insieme per la pace, è tutto quello che vogliamo", conclude Taras Zub. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunità ucraina di Napoli: "Stanchi di questa situazione. Tanti bambini possono restare senza padre"
NapoliToday è in caricamento