Attualità

Giornata contro l’omofobia, la Città Metropolitana di Napoli aderisce alla campagna contro l’odio via social

Il 17 maggio la Città Metropolitana, partner della Rete RE.A.DY, aderisce alla campagna di comunicazione per il contrasto all’utilizzo di parole d’odio. Il frame della campagna sarà utilizzabile come cornice delle foto dei profili personali degli utenti di Facebook che vogliono aderire

In occasione del 17 maggio 2021, diciassettesima Giornata Internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la transfobia e la bifobia (indicata anche con la sigla IDAHOTB, International Day against homophobia, transphobia and biphobia), la Città Metropolitana di Napoli, partner della Rete RE.A.DY, aderisce alla campagna di comunicazione per il contrasto all’utilizzo di parole d’odio - indicato anche internazionalmente come “Hate Speech”.

Il tema scelto è purtroppo di triste attualità: secondo la quinta edizione della Mappa dell’intolleranza pubblicata da Vox – Osservatorio Italiano sui Diritti, che rileva ogni anno la diffusione del cosiddetto hate speech in rete, l’odio via social nell’anno della pandemia si è propagato su tutto il territorio nazionale e gli episodi non si concentrano più soltanto nei grandi centri urbani, ma si sono diffusi in tutta la penisola.

La campagna di comunicazione promossa da RE.A.DY prevede la pubblicazione di un’immagine caratterizzata da una grafica comune, che veda gli Enti stessi proporsi come testimonial, per richiamare l’attenzione dei cittadini su questa problematica.

Sono coinvolti tutti i partner aderenti: regioni, città metropolitane, province, comuni, dislocati su tutto il territorio nazionale.

Al fine di rafforzare e valorizzare ancora di più l’iniziativa, il frame della campagna sarà reso disponibile ed utilizzabile come cornice delle foto dei profili personali degli utenti di Facebook che vogliono aderire.

“Nel corso degli ultimi anni, il fenomeno dell’hate speech è aumentato ed è diventato più aggressivo, soprattutto con la diffusione ed il maggiore utilizzo di ambienti virtuali e social network da parte delle generazioni più giovani. Espressioni di discriminazione e di odio nei confronti di categorie o gruppi di persone sono diventate ormai quotidiane e questo non è più tollerabile, perché sono in contrasto con i principi fondamentali del nostro ordinamento, che promuove la tutela ed il rispetto della persona e della dignità di ciascuno”, afferma la Consigliera Metropolitana con delega alle Pari Opportunità, Valentina Rescigno, che si è fatta promotrice attiva dell’adesione della Città Metropolitana di Napoli alla campagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata contro l’omofobia, la Città Metropolitana di Napoli aderisce alla campagna contro l’odio via social

NapoliToday è in caricamento