Anm, nuova linea filobus al via entro fine anno: collegherà il Museo con il Cardarelli

Dal 19 novembre via all'elettrificazione della nuova linea filoviaria 204

Giovedì 19 novembre, all'una di notte, Anm darà il via all’elettrificazione dell'impianto che alimenterà la nuova linea filoviaria 204, il cui ingresso in servizio è confermato per la fine del 2020.

La linea collegherà il Museo Nazionale fino al piazzale Cardarelli, lungo la direttrice S.Teresa – Amedeo di Savoia – Capodimonte – Colli Aminei. L'azienda Napoletana Mobilità si è impegnata, dopo un lungo stop, a far ripartire i lavori dell'opera e li ha completati, fornendo un collegamento a basso impatto ambientale tra due poli strategici della città.  

La nuova linea filoviaria occuperà un ruolo importante nel servizio di trasporto pubblico cittadino, convogliando il flusso proveniente dalla zona collinare nord dei Colli Aminei, storicamente collegata a piazza Municipio da linee di autobus. Avrà inoltre un’importante funzione di interscambio con la Linea 1 della Metropolitana, in particolare con la stazione Colli Aminei, ad alto bacino residenziale ed elevata domanda di mobilità verso il centro.

Caratteristiche della nuova linea

Le caratteristiche della nuova linea sono: lunghezza percorso pari a 15,4 km (giro completo); numero fermate 57 oltre il capolinea al Cardarelli; numero massimo di filobus impiegati 12; intervallo minimo 9’; nastro di servizio: 5,30 – 23,45; passeggeri trasportati in ogni giorno feriale 24.000 circa; capacità oraria 750 passeggeri l'ora per direzione. 

Nel lavoro di realizzazione della linea, Anm ha installato pali promiscui, che dotano il percorso anche di una nuova rete di illuminazione pubblica, riducendo anche significativamente la presenza delle infrastrutture sulla strada. Dopo l'elettrificazione della rete, Anm farà partire le prove di circolazione e, a seguire comunicherà al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti l’ultimazione dei lavori per le prove definitive di collaudo prima dell'avvio dell'esercizio, previsto entro la fine dell'anno. 

L'opera è stata realizzata grazie all'adesione del Comune di Napoli al Programma di Cofinanziamento per il miglioramento dell’aria nelle aree urbane e il potenziamento del TPL del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, in accordo con il Ministero dei Trasporti. La nuova linea filoviaria si colloca all’interno del Piano dell’Amministrazione Comunale di estensione del servizio filoviario e potenziamento dell’offerta di trasporto collettivo con l’obiettivo di apportare un contributo al risanamento ambientale della città e di dare una risposta concreta all’ampliamento del servizio di trasporto cittadino, con abbattimento delle emissioni di CO2.

La rete aerea rimarrà sempre elettrificata e per qualsiasi esigenza di operare in prossimità dei bifilari filoviari, dovrà essere preventivamente contattata l'Area Operativa Trazione Elettrica. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento