rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Attualità

Gratteri: "Ecuador epicentro del traffico di droga. I baschi blu andassero nella foresta amazzonica"

"Per imporre la coltivazione di caffè anziché di cocaina trattando direttamente con i contadini"

"Nella drammaticità del Sudamerica, soprattutto con riferimento ai produttori di cocaina, Colombia, Perù e Bolivia, l'Ecuador è il punto in questo momento più pericoloso ed effervescente dal punto di vista dei traffici. Non è un paese produttore ma che per una condizione di scelta strategica da parte dei cartelli sudamericani, si trova ad essere epicentro nel mondo del narcotraffico. Molta violenza e molta corruzione". Sono le dichiarazioni del Procuratore di Napoli Nicola Gratteri a margine dell'incontro 'Le rotte e le logiche del traffico internazionale di stupefacenti e le evoluzioni della criminalità organizzata transnazionale' in corso al Palazzo di giustizia di Palermo.

"Trattare direttamente con i contadini"

"Le Organizzazioni delle Nazioni unite sono un organismo debole, basterebbe che i baschi blu andassero nella foresta amazzonica per imporre la coltivazione di caffè anziché di cocaina. Soltanto così si potrebbero colpire i trafficanti sudamericani di droga", prosegue Nicola Gratteri. "Ho ascoltato dalla relatrice della Colombia la proposta di legalizzare la cocaina, bene io oggi racconterò nel mio intervento una utopia: dirò che se l'Onu fosse diversa da quella attuale, perché l'Onu è un organismo debole, ma se avesse davvero potere sovranazionale, bisognerebbe fare scendere dall'80esimo piano del grattacielo di New York i baschi blu, andare nella foresta amazzonica e dire: 'Siccome voi in Colombia, Bolivia e Perù non siete stati in grado di risolvere il problema della produzione di cocaina allora noi Onu siamo qui per imporre le colture di caffè anziché cocaina'. Ma trattando direttamente con i contadini. Perché la conversione delle colture venti anni fa era stata proposta e in parte attuata ma i soldi non arrivavano ai contadini, che sono poi tornati a piantare coca - prosegue Gratteri - Se pianti un ettaro di coca guadagni cento se pianti un ettaro di caffè sono 40, allora sono qui a darti il 60 per cento mancante ma devi piantare caffè. Basterebbe lo 0,01 per cento dei soldi che tutti gli uffici giudiziari del mondo occidentale spendono ogni anno per contrastare il traffico di cocaina per risolvere il problema della cocaina, perché la cocaina è la droga più facile da debellare al mondo", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gratteri: "Ecuador epicentro del traffico di droga. I baschi blu andassero nella foresta amazzonica"

NapoliToday è in caricamento