Studenti in piazza a Napoli e in Campania: "Siamo il futuro senza futuro"

Studenti in piazza in tutta la regione al grido di “Cambiare la scuola per cambiare il sistema"

Oggi gli studenti e le studentesse della Regione Campania scendono in piazza al grido di “Cambiare la scuola per cambiare il sistema". Il raduno a Napoli è fissato in Piazza Garibaldi alle ore 9,00. Previsto un corteo anche a Ischia, con partenza da Piazza Santa Restituta a Lacco Ameno.

“Scendiamo in 9 piazze da tutta la regione per ribadire che le lotte dei giovani contro i potenti della Terra non si fermano qui - dichiara Manuel Masucci, Coordinatore dell’Unione degli Studenti Campania - . Abbiamo idee chiare rispetto ad un ripensamento sull’alternanza e la sua regolamentazione, trasporti pubblici e diritto allo studio. La legge regionale sul diritto allo studio approvata a seguito delle manifestazioni di migliaia di studenti e studentesse nel 2005, è tutt’ora definanziata, il che si traduce in una rete di trasporti insufficiente ed inquinante, abbandono scolastico e luoghi della formazione non accessibili a tutti e tutte. Tra dispersione scolastica dilagante (al 19% in Campania) e accesso alla formazione limitato, al Sud sempre più giovani emigrano, abbandonando i propri territori. Ci dicono che siamo il futuro, ma (noi aggiungiamo) senza futuro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La protesta a Ischia

"Oggi 8 novembre noi, gli studenti e le studentesse dell’isola d’Ischia, scenderemo in piazza perché non è possibile che solo un istituto possa vantare una sede creata per essere scuola. Abbiamo diritto a scuole sicure e spazi efficienti, non si possono fare orari assurdi per la mancanza di aule. Scenderemo in piazza perché non si può spendere un patrimonio per i trasporti privati o risparmiare poco o nulla per usare i mezzi pubblici ma inefficienti. Scenderemo in piazza perché la scuola è un ambiente democratico! Basta professori e dirigenti che dettano legge all’interno degli istituti, gli studenti e le studentesse hanno diritto di parola in ogni circostanza. Oggi, 8 novembre, noi studenti e studentesse isolane scendiamo in piazza, per la prima volta come scuole unite. Questo primo passo segna per Ischia un momento importante. Da oggi ogni studente e ogni studentessa isolana non si sentirà più sola, anche grazie al sindacato studentesco che ci supporta quotidianamente con interventi sul territorio. Siamo finalmente uniti e lo diventeremo sempre di più!”, affermano in una nota gli studenti e le studentesse di Uds Ischia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel napoletano la spiaggia del sesso tra scambisti, la denuncia: "Succede di tutto"

  • Ricetta delle graffe napoletane con impasto a base di patate

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • Tragedia in spiaggia: uomo muore dopo un malore improvviso

  • Sirt, la dieta che fa perdere peso e migliora la salute

  • Occupa una casa con i sei figli, l'appello di Antonio: "Non mandatemi via. Voglio pagare l'affitto"

Torna su
NapoliToday è in caricamento