Tablet agli studenti, una colomba ad ogni famiglia, pacchi solidali e droni: così Camposano affronta il lockdown

Emergenza CoVid e buona amministrazione: la storia del comune in provincia di Napoli

100 mila euro stanziati per l’emergenza Covid-19; tablet gratuiti per tutti i 235 studenti delle scuole del comune per garantire la posssibilità di seguire le lezioni scolastiche da casa; pacchi solidali distribuiti alla cittadinanza; buoni alimentari da 50 euro ad ogni richiedende a prescindere dall’ISEE; 2mila colombe pasquali consegnate alle altrettante famiglie del comune; 6 mila mascherine distribuite alla popolazione; sanificazione quotidiana del territorio, compresi i singoli portoni, i cortili e le strade private da un mese: il Comune di Camposano, in provincia di Napoli, sta affrontando l'emergenza Coronavirus riducendo decisamente al minimo i disagi per i suoi abitanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo stanziato una somma importante - spiega il primo cittadino Francesco Barbato - per contenere il più possibile il rischio nel nostro comune, da un lato attivando il controllo del territorio e il rispetto dei Decreti governativi e delle Ordinanze regionali e, dall’altro, garantendo ai nostri cittadini la possibilità di vivere questa quarantena senza preoccupazioni né sanitarie né economiche. Abbiamo pensato a un servizio telematico con App dedicate che forniranno alla cittadinanza informatizzazione dei servizi e garantiranno tutte le notizie di cui l’utenza ha necessità da casa - spiega il sindaco Barbato - In sinergia con l’Agenzia dei Comuni nolani che ha sede a Camposano abbiamo avuto in dotazione dei droni per vigilare dall’alto su eventuali assembramenti. Già dal feedback restituito dal primo volo, possiamo dire che la città ha risposto bene, in maniera seria e matura rispettando le misure restrittive DPCM del Governo e le ordinanze della Regione Campania. E stiamo già pensando al dopo, siamo già proiettati al futuro, quando dovremmo pianificare la convivenza con il virus, ampliare le strategie di sviluppo e garantire le più alte performance possibili di investimenti in attività produttive e commerciali nonché industriali anche attraverso l’avviso pubblico per manifestazione d’interesse che abbiamo pubblicato e scadrà a fine mese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

Torna su
NapoliToday è in caricamento